Markos Kyprianou è il nuovo Commissario Europeo per la Salute e la Tutela dei Consumatori

In data 22 novembre 2004 si è insediata la nuova Commissione Europea che rimarrà in carica sino al 31 ottobre 2009.
Il nuovo Commissario europeo designato alla Salute e alla Tutela dei Consumatori è Markos Kyprianou, cipriota, che nel suo discorso ha espresso il suo pensiero sulle tematiche che dovrà affrontare:
– la lotta contro obesità (e per ciò che concerne l’obesità ha riconosciuto i benefici della dieta mediterranea),
– tabacco e alcool (“non c’è peggiore flagello del tabacco; bisogna opporsi a tutte le forme di incitamento al suo consumo. Fumare anche una sola sigaretta è già nocivo per la salute, mentre, nel caso dell’alcool, è solo il suo abuso che provoca gravi conseguenze, in particolare per ciò che riguarda i giovani ”.
Il nuovo Commissario europeo ha sottolineato che l’azione dovrà concentrarsi sul consumo di sigarette e alcool da parte dei minori. Queste sono le priorità: “ è di qua che passa anche la lotta per una vita migliore e più sana”.
Per ciò che concerne le cure sanitarie ha affermato: “le cure sanitarie rivelano l’autorità dei Paesi membri”;
occorre l’applicazione delle buone pratiche ed una migliore cooperazione dei servizi nazionali sanitari;
Come punti focali ha sottolineato "la difesa del diritto dei pazienti ad avere informazioni sulle cure sanitarie e l’accesso alle cure stesse, anche con la mobilità dei pazienti". E’ ormai palese che, sia la mobilità dei pazienti, sia delle professioni sanitarie sono fenomeni in costante aumento.
Il tema della prevenzione in materia di sicurezza alimentare è tornato spesso nello scambio di vedute sull’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) che ha sede a Parma, e l’Ufficio Alimentare e Veterinario, che risiede a Dublino.
La soluzione richiede una buona programmazione e una ri-definizione delle priorità dopo l’allargamento. Sempre nell’ambito della sicurezza alimentare ha affermato che esiste “un’alta qualità della catena alimentare da un punto di vista legislativo ma non solo, anche grazie ai migliori controlli all’interno dei paesi membri e al monitoraggio sistematico, comprese le derrate importate".
L’azione della commissione dovrà soprattutto mirare alla sicurezza dei prodotti perchè: “i prodotti meno cari non possono essere meno sicuri, meno sani”.
Per ciò che riguarda la tutela dei consumatori ha sostenuto che: "i consumatori devono aver fiducia nel mercato europeo ed avere la certezza che i loro diritti vengono rispettati.
Sul diverso accesso alle cure e ad una vita sana delle persone (alloggi, prodotti alimentari ed altro) ha commentato che "vi è ancora diversità tra i più fortunati e i meno fortunati”, ma il Commissario ha anche ricordato che le differenze esistono anche tra i paesi secondo la loro ricchezza; ed ancora, per migliorare l’informazione ai consumatori e la loro tutela nel mercato interno occorre che la fiducia del consumatore passi da “una corretta informazione sui pericoli, ma anche sulle possibilità del mercato interno”.
Tuttavia, per completare il mercato interno, bisogna confrontare i sistemi nazionali ed armonizzarli.
“Sia i consumatori, sia le aziende non dovranno rimetterci”. I prodotti e i servizi armonizzati non dovranno in nessun caso comportare un pericolo per il consumatore sia esso finanziario, fisico o sanitario”.
Markos Kyprianou infine si è dichiarato a favore di un’armonizzazione delle norme che prendano come base “le regole più radicali in vigore all’interno di uno stato membro, anche se occorre essere realisti. L'armonizzazione infatti non può essere che il frutto di un compromesso tra gli Stati membri”.

Danila ORSI

Fonti:
http://europa.eu.int/italia/index.jsp_section.home-level.det_home-content.266579.html

http://europa.eu.int/comm/commission_barroso/index_it.htm