L’Ue ha attuato un’indagine per verificare l’esistenza di pratiche fraudolente nella commercializzazione di erbe e spezie

Le erbe e le spezie culinarie sono apprezzate per aromatizzare il cibo e potrebbero anche fornire altre proprietà benefiche, come gli effetti antiossidanti e batteriostatici, nonché alcune attività farmacologiche.

La loro catena di approvvigionamento è complessa, lunga e globalizzata.

L’Europa è una delle principali regioni importatrici al mondo di erbe e spezie, importando circa 300.000 tonnellate, principalmente spezie dall’Asia orientale. La maggior parte delle spezie viene prodotta in paesi in cui possono avvenire determinati processi post-raccolta come l’essiccazione e la pulizia prima di essere spedita nel paese importatore dove vengono ulteriormente pulite e igienizzate prima di essere confezionate e distribuite ad altre aziende alimentari o per il consumo al dettaglio. In ogni fase possono verificarsi manipolazioni fraudolente e più spesso il materiale viene trasferito da un operatore all’altro, l’opportunità di frode aumenta.

Le informazioni a disposizione della Commissione europea indicano che erbe e spezie adulterate sono presenti sul mercato dell’UE ma non vengono rilevate. Pertanto, la Commissione europea ha istituito un piano di controllo coordinato invitando gli Stati membri dell’UE a campionare determinate erbe e spezie e inviarle per l’analisi al Centro comune di ricerca. L’obiettivo principale del piano era stabilire la prevalenza sul mercato di alcune non conformità e di alcune possibili pratiche illegali nella commercializzazione di erbe e spezie. Ventuno Stati membri dell’UE più Norvegia e Svizzera hanno presentato quasi 1900 campioni al CCR per l’analisi. La maggior parte dei campioni è stata macinata o frantumata. Il piano di controllo coordinato comprendeva cumino, curcuma (curcuma), origano, paprika/peperoncino, pepe e zafferano, poiché questi venivano spesso segnalati come oggetto di manipolazioni. Sono state effettuate quasi 10.000 analisi su campioni del 1885 utilizzando una serie di tecniche analitiche all’avanguardia per valutare la purezza dei campioni (“fedele al nome”).

Il piano di controllo coordinato dell’UE è fino ad ora la più grande indagine sull’autenticità delle erbe aromatiche e delle spezie in termini di paesi partecipanti e numero di analisi. Il tasso complessivo di campioni sospetti è stato del 17% (323 su un totale di 1885 campioni analizzati), che è inferiore a quanto precedentemente riportato nella letteratura scientifica o dalle istituzioni nazionali di controllo alimentare. La filiera dell’origano era più vulnerabile poiché il 48% dei campioni sospettava di essere adulterato, nella maggior parte dei casi con foglie di olivo. La percentuale di campioni sospetti di adulterazione è stata del 17% per il peperone, del 14% per il cumino, 11% per la curcuma e 11% per lo zafferano. Il tasso di sospetto più basso (6%) è stato riscontrato per paprika/peperoncino. La maggior parte dei campioni sospetti conteneva materiale vegetale non dichiarato; nel 2% dei campioni di spezie analizzati sono stati rilevati coloranti non autorizzati. Un campione conteneva un alto livello di cromato di piombo.

Non è stata osservata alcuna tendenza specifica per quanto riguarda il tasso di potenziali manipolazioni fraudolente lungo la catena di approvvigionamento (paese di origine/importatori/grossisti/trasformatori/confezionatori). Tuttavia, il numero di campioni ottenuti in determinate fasi (produzione nazionale, mercati locali, controllo delle frontiere e Internet) era troppo basso per consentire confronti statisticamente significativi.