''Le persone sono semi di pace''

La cantante israeliana Noa, l'operatrice umanitaria Clementina Cantoni, il presidente della Fondazione Banco alimentare, don Mauro Inzoli, e padre Charles Hewawasan, parroco in Sri Lanka. Sono questi i vincitori del premio per la Pace, edizione 2005, che questa sera riceveranno il riconoscimento della Regione Lombardia, nel corso di una cerimonia al Teatro Ventaglio Nazionale, a Milano. Questa mattina al Palazzo Pirelli, il presidente Formigoni ha presentato l'iniziativa, insieme a Noa, a padre Charles Hewawasan e a don Claudio Maggioni, dell'Associazione 'Cuore Fratello Onlus', vincitrice del premio assegnato con votazione on-line. Una menzione alla memoria e' stata assegnata a Nicola Calipari, il funzionario del Sismi, rimasto ucciso a Baghdad nel corso della sparatoria seguita alla liberazione della giornalista italiana Giuliana Sgrena. Questa sera sara' il prefetto di Milano a ritirare il riconoscimento. Il premio per la Pace, come ha ricordato il presidente Formigoni, viene assegnato a persone, enti, istituzioni e associazioni che si sono distinte come operatori di pace nel mondo. "La pace – ha detto il governatore lombardo – non e' opera soltanto di alcuni personaggi straordinari, ma e' l'opera quotidiana di tutti noi". Lo scopo del premio e' "fornire spunti di riflessione per cogliere un incoraggiamento da queste figure che ogni anno segnaliamo". Il significato, dunque, del premio della Regione Lombardia e' stato sintetizzato cosi' da Formigoni: "Le persone sono semi di pace ma e' anche importante seminare questi semi perche' la pace fiorisca in tutto il mondo". Altre menzioni alla memoria vanno a: frate Angelo Redaelli, missionario ucciso da una folla inferocita perche' aveva investito con l'auto una bimba di tre anni; Alberto Bonanni, dipendente dell'Ambasciata italiana in Pakistan, rimasto vittima del terremoto che hacolpito quel Paese.