Le anguille del lago di Garda a rischio diossina?

Diossina: Ministero Salute: Lombardia blocchi la pesca delle anguille nel Lagoi di Garda

Roma, agosto – La Regione Lombardia intervenga per bloccare la pesca di anguille nel Lago di Garda a rischio di contaminazione da diossina. Lo chiede il ministero della Salute che, ''relativamente alla notizia comparsa su alcuni organi di informazione'' precisa di aver ''gia' emanato, con Ordinanza Ministeriale 17 maggio 2011, disposizioni concernenti il divieto di immissione sul mercato e commercializzazione delle anguille provenienti dal Lago di Garda''. Gli assessorati provinciali competenti, prosegue la nota del ministero, ''per quanto concerne l'autoconsumo ovvero la possibilita' di pesca, per garantire la massima sicurezza dei consumatori, sono stati invitati a valutare l'opportunita' di promuovere idonee disposizioni che prevedessero specifici divieti di pesca, limitati alle anguille. Infatti, provvedimenti integrativi della sopraccitata Ordinanza Ministeriale a livello locale, tendono a diffondere maggiore consapevolezza anche per coloro che cedono pescato occasionalmente. La Provincia di Verona, accogliendo quanto indicato, si e' prontamente attivata nell'adozione di un provvedimento di divieto di pesca a tutela della salute pubblica''.

La Direzione Generale della Sicurezza degli Alimenti e della Nutrizione del ministero della Salute, conclude la nota, ''interverra' sull'Assessorato alla Sanita' della Regione Lombardia, affinche' si faccia promotore e portavoce delle esigenze della Sanita' pubblica presso l'Assessorato della caccia e della pesca della Provincia di Brescia, sollecitandolo all'adozione di un provvedimento di divieto di pesca fino ad un chiarimento delle problematiche relative alle contaminazioni delle acque del lago.

Fonte: (Asca)