L'alimentazione a base vegetale va incentivata: appello ai politici

In questo periodo i partiti di ogni schieramento stanno (o dovrebbero stare) lavorando al programma da proporre ai cittadini alle prossime elezioni politiche previste per la primavera 2006.
La Società di Nutrizione Vegetariana (SSNV) ritiene suo dovere far notare ai partiti che l'aspetto "salute" e' un tema di primaria importanza da affrontare; ma non, come si fa di solito, parlando solo di ticket, di distribuzione di vaccini antinfluenzali, di ospedali, ecc.,bensì parlando di prevenzione, in primis attraverso l'alimentazione e altri aspetti dello stile di vita: è questo l'unico modo per ottenere, davvero, nella popolazione un buono stato di salute.
SSNV ha inviato ai partiti di ogni schieramento una lettera, arricchita del dossier "Stile di vita e salute", mettendosi a disposizione per consulenze scientifiche e pratiche.
Lettera e dossier sono disponibili integralmente alla pagina:
www.scienza vegetariana.it/legali/lettera_partiti_2006.html
SSNV e' una associazione di medici, dietisti, altri professionisti della nutrizione e ricercatori, avvocati, nonchè cittadini impegnati da tempo nella divulgazione dell'informazione scientifica sul tema dell'alimentazione e dello stile di vita applicati alla prevenzione (e cura) delle patologie degenerative che oggi sono le principali cause di morte in Italia e nei Paesi occidentali.
In Italia negli ultimi anni è stata condotta con successo l'iniziativa contro la nocività del fumo di sigaretta: sull'argomento, oltre alla promozione di campagne informative, è stata presa le decisione molto forte di vietare il fumo in ogni luogo pubblico. Il fumo di sigaretta, come causa di morte prevenibile, è tuttavia meno influente rispetto a un'alimentazione scorretta.
E' ormai nozione indiscussa nella letteratura scientifica internazionale non solo che le diete a base di cibi vegetali sono nutrizionalmente adeguate, ma anche che un maggior consumo di cibi vegetali è correlato nella popolazione con un migliore stato di salute. Diete a base di cibi vegetali vengono inoltre utilizzate per la prevenzione primaria e secondaria di gravi malattie (la dieta Ornish per la cardiopatia ischemica e il tumore della prostata, la dieta Diana per il tumore della mammella, il Coronary Health Improvement Project per il controllo dei principali fattori di rischio vascolare nonchè malattie croniche – obesità ipertensione, diabete, dislipidemia).
"Per questo la nostra Associazione" dichiara la dottoressa Luciana Baroni, presidente di SSNV "chiede a tutti i partiti di impegnarsi a inserire nel proprio programma interventi di educazione alimentare atti a ridurre il consumo di cibi animali e ad aumentare quello di cibi vegetali nella popolazione, privilegiando i cibi "come colti" e non lavorati industrialmente. Tale tipo di intervento risulta essere, da esperienze già condotte in altri Paesi, estremamente efficace nella prevenzione ed arresto delle principali malattie, producendo un forte impatto sulla spesa sanitaria."
Ai partiti e singoli rappresentati dei cittadini alle Camere, il compito di aiutare i cittadini ad avere facile accesso a queste informazioni, e poter decidere in piena consapevolezza della propria salute.

Comunicato stampa
Societa Scientifica di Nutrizione Vegetariana

Aderiscono all'iniziativa di SSNV le seguenti associazioni:

Associazione Vegetariana Animalista
Forum Vegetariano
Movimento dell'Amore Universale
Associazione Ayusya
Collettivo Animalista
Comitato VIVO per un consumo consapevole
Coscienza e Salute
Associazione Laika e Balto
Notiziario animalista
OIPA – Organizzazone Internazionale Protezione Animali
Progetto Gaia
Progetto Vivere Vegan
SaiCosaMangi.info
Movimento Ecologico Nazionale UNA uomo natura animali
VeganHome
VeganRunners
VegFestival