La vitamina A come “salvavita” dei bambini poveri

Fornire integratori di vitamina A ai bimbi sotto i 5 anni nei Paesi in via di sviluppo potrebbe salvare 600 mila vite ogni anno.
La stima, come riporta il British Medical Journal, e' dei ricercatori delle universita' di Oxford e di Aga Khan a Karachi, in Pakistan.
Gli esperti hanno valutato 43 studi che coinvolgevano 200 mila bambini tra i 6 mesi ed i 5 anni, notando, dopo un anno, una riduzione dei decessi del 24% tra i bambini cui veniva somministrato un supplemento di vitamina A, rispetto ai piccoli cui invece la vitamina non veniva somministrata.

Considerando i 190 milioni di bambini che sono carenti di vitamina A, ridurre le morti del 24%, sostengono i ricercatori, potrebbe quindi salvare piu' di 600 mila vite l'anno.

''Integratori di vitamina A – ha spiegato il dott. Evan Mayo-Wilson dell'universita' di Oxford – dovrebbero essere dati a tutti i bambini carenti di questa sostanza''. La vitamina A e' fondamentale per la vista e il sistema immunitario. L'uomo la assimila dalle piante, come la patata, dalle uova e dai derivati del latte. La carenza di questa sostanza aumenta la vulnerabilita' dell'organismo a una serie di infezioni come la diarrea, morbillo, malaria e infezioni respiratorie, che sono le principali cause di mortalita' infantile nel mondo.

Fonte (ANSA).