La Cina importerà i prosciutti italiani

Nel corso della visita in Cina, il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Paolo De Castro ha incontrato a Pechino le autorità cinesi competenti in materia di indicazioni geografiche e ha dichiarato : "abbiamo manifestato la disponibilità a collaborare con le autorità cinesi in materia di indicazioni geografiche protette – i nostri Paesi, di grandi tradizioni e di millenaria cultura, possono essere in prima linea nel sostegno e nella promozione delle produzioni italiane e cinesi di qualità".
"Abbiamo definito con i nostri partners – ha continuato De Castro – una serie di azioni da sviluppare nell'immediato futuro. Tra queste, anche la realizzazione congiunta di un atlante sui prodotti tipici e tradizionali italiani e cinesi da presentare in occasione delle prossime olimpiadi del 2008 insieme ad una rassegna espositiva degli stessi prodotti. I nostri interlocutori – ha concluso De Castro – hanno molto apprezzato la nostra disponibilità a collaborare nella messa a punto della normativa cinese in materia di denominazioni registrate e ad ospitare tecnici cinesi per studiare il Sistema italiano dei Consorzi di tutela delle indicazioni geografiche".
"Finalmente abbiamo ottenuto il via libera all'esportazione dei nostri prosciutti in Cina" – prosegue il Ministro. – Ci è stato confermato il risultato positivo della visita compiuta in Italia da ispettori cinesi; sono stati riconosciuti altri ventisette prosciuttifici e quattro macelli, che a breve potranno esportare in Cina prosciutto crudo, con particolare riferimento al Parma e al San Daniele".
Il lavoro dei tecnici continua e si conta di avere a breve, ulteriori autorizzazioni per i prosciutti crudi e l'apertura all'esportazione anche a quelli cotti.
"Abbiamo anche registrato un positivo atteggiamento a proseguire nelle iniziative finalizzate a consentire l'importazione in Cina di prodotti cotti della salumeria italiana.
Si tratta – ha concluso De Castro – di iniziative concrete destinate ad accompagnare lo sforzo di internazionalizzazione delle imprese dell'agroalimentare italiano in coerenza con gli obiettivi del nostro Governo".
Durante lo stesso incontro il Ministro De Castro e il Vice Ministro Ge Zhirong hanno chiuso un accordo che da' vita a un tavolo interministeriale permanente Italia-Cina per risolvere vincoli ed ostacoli che frenano ancora l'export italiano in altri settori.