Italia-Ungheria: accordo di collaborazione per la viticoltura e l'enologia

Sottoscritto a Vezprém, in Ungheria, un accordo di collaborazione tra l’Istituto Agrario di San Michele all’Adige ed i principali enti ungheresi che operano nel settore della viticoltura ed enologia.
La convenzione, che si propone di sviluppare iniziative comuni nei settori dell’istruzione e della ricerca, è stata firmata dal presidente dell’Istituto Agrario, Giovanni Gius, dal direttore dell’ Istituto “Széchényi Ferenc Gartenbauschule” di Balatonfüred, Tibor Szalay, dal direttore generale dell’Istituto Ministeriale per la formazione e la consulenza in agricoltura di Budapest, Tamàs Pataki, dal direttore dell’Istituto per il vino e la vite di Badacsony, Janos Majer, e dal presidente del comprensorio di Vezprèm, Csaba Kuti.
Con i partner ungheresi l’Istituto Agrario si impegna ad organizzare visite reciproche fra il personale scolastico, tecnico e di ricerca, organizzare seminari congiunti, tirocini e viaggi di studio per studenti e tecnici mentre, per quanto riguarda il settore della ricerca, la collaborazione verterà sullo sviluppo di metodi ecologici di coltivazione della vite, sperimentazioni varietali, selezione di cloni e incroci, analisi varietali con l’utilizzo di marcatori molecolari.
L’accordo, di durata annuale rinnovabile tacitamente fino ad un massimo di nove anni, sottoscritto presso il Palazzo della Regione di Vezprém, va ad istituzionalizzare un rapporto di collaborazione esistente già da diversi anni tra l’Istituto Agrario e l’Istituto di agricoltura e turismo di Balatonfüred nei settori dell’istruzione e della ricerca.
Per il comparto agricolo ungherese, e più in generale per l’intera nazione che solo a maggio 2004 è entrata a far parte dell’Unione Europea, l’accordo rappresenta un’opportunità per estendere al di fuori del confini statali ambiti di operatività del settore agricolo finora contenuti e ristretti.
Al di là delle collaborazioni che verranno intrecciate nei settori della formazione e della ricerca, un altro impegno garantito dall’Istituto Agrario è quello di contribuire allo sviluppo e alla valorizzazione delle produzioni enogastronomiche ungheresi.