''Investire nell'agricoltura per la sicurezza alimentare''

Il 16 ottobre di ogni anno l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura celebra la Giornata mondiale dell'alimentazione per commemorare l'anniversario della sua fondazione, avvenuta il 16 ottobre 1945. Il tema della Giornata mondiale dell'alimentazione e di TeleFood scelto per il 2006 è, "Investire nell'agricoltura per la sicurezza alimentare".

L'agricoltura, che forse ora svolge un ruolo minore in molte economie industrializzate, deve ricoprire un ruolo di primo piano sulla scena mondiale se vogliamo che sul problema della fame cali finalmente il sipario.

Eppure, gli aiuti esteri a favore di agricoltura e sviluppo rurale continuano a diminuire. Si è passati dagli oltre 9 miliardi di USD l'anno, all'inizio degli anni '80, a meno di 5 miliardi di USD alla fine degli anni '90. Nel frattempo si calcola che circa 854 milioni di persone al mondo restano sottonutrite.

Solo gli investimenti in agricoltura, accompagnati da un'adeguata assistenza scolastica e sanitaria, potranno risolvere questa situazione.

A livello mondiale, la maggior parte degli agricoltori è costituita da agricoltori di piccola scala. Come gruppo, essi sono i maggiori investitori in agricoltura, ma tendono ad avere un accesso inadeguato o precario al cibo. Se questi agricoltori riuscissero ad avere un margine di guadagno dal loro lavoro, essi potrebbero nutrire meglio le loro famiglie per tutto l'anno e reinvestire nella loro attività acquistando fertilizzanti, sementi di migliore qualità e attrezzature di base.

Sta intanto prendendo forma un nuovo modello di collaborazione fra settore pubblico e privato in materia di sviluppo rurale. Il modello include nuovi metodi per (1) riunire produttori e industria agro-alimentare, (2) definire e far rispettare criteri di qualità e standard, (3) rendere più favorevole il clima per gli investimenti in agricoltura e (4) fornire beni pubblici essenziali, come le infrastrutture rurali.

Gli investimenti infrastrutturali nelle zone rurali, specialmente per quanto riguarda acqua, strade, energia e comunicazioni, hanno un ruolo fondamentale nel promuovere la crescita in agricoltura. Se i paesi riescono a creare le giuste condizioni, è facile immaginare grandi benefici sia per l'agricoltura in genere che per le famiglie degli agricoltori che vivono in povertà.