Inaugurata “TriestEspresso”

Il Porto Franco Vecchio si apre agli affari e al commercio.
Fino a sabato 25 ottobre i padiglioni nell'antico scalo portuale triestino tornano ad accogliere il caffè, gli operatori e l'industria che vi ruotano attorno. “Siamo emozionati e orgogliosi di esser riusciti ad aprire il Porto Franco Vecchio alla città, al commercio, agli affari – nota Antonio Paoletti, presidente della Camera di Commercio di Trieste -. Qui già nell'800 nascono i traffici di caffè; un luogo di grande valore anche simbolico per questa fiera d'affari che offre concrete e uniche opportunità internazionali a chi lavora nel settore”.

Una fiera biennale giunta alla settima edizione che valorizza l'importante cluster produttivo della città: “Il caffè è nel DNA dei triestini. Qui si trova un filiera che dà occupazione, occupazione stabile, cosa non facile in questo periodo” nota l'assessore provinciale Adele Pino. “Trieste è famosa per il vento e per il caffè e da sempre è riconosciuta capitale del caffè in Italia” aggiunge l'assessore regionale Paolo Panotin. “Il legame tra Trieste e il caffè è forte, quasi scontato. Lo è per il suo porto, scalo fondamentale per questa materia prima, per il suo distretto produttivo e non da ultimo per la dimensione europea di Trieste che vive in comunanza, anche grazie al caffè, con città come Praga, Vienna, Graz – rileva il sindaco Roberto Cosolini -. Nel 2015, un'azienda triestina, illycaffè avrà la grande responsabilità di curare il cluster dedicato al caffè all'expo di Milano e verrà creato un link anche con la nostra città proprio per valorizzare la storia di Trieste nel settore”.

“Sono molto contento di essere qui oggi, in questa collocazione molto bella per questa fiera – commenta Max Fabian, presidente Associazione Caffè Trieste -. Auspico che TriestEspresso continui a essere anche negli anni a venire un punto d'incontro per gli imprenditori del settore. E a questo proposito vorrei ricordare chi in tempi più e meno recenti ha fatto la storia della città e del comparto, imprenditori come Ernesto Illy, Vinko Sandalj, Primo Rovis e Severino Mingardi”.

Conclude il presidente camerale Paoletti: “Aries ha accettato la sfida di creare questa manifestazione nel Porto Franco Vecchio. Colgo l'opportunità per chiedere a Regione, Provincia e Comune, dopo aver visto quello che siamo stati in grado di fare, di poter proseguire su questa strada”.