Il Sistema Montepulciano diventa proposta di legge

Parte da Montepulciano (Si) la proposta di legge che prevede la possibilità di rendere deducibili i contributi o i finanziamenti a sostegno di quei consorzi di tutela che hanno sottoscritto con le amministrazioni comunali progetti mirati alla riqualificazione del territorio. La proposta, presentata alla stampa il 18 luglio alla Camera dei deputati e presentata in Commissione Finanza lo scorso 22 marzo, è partita infatti da una idea progettuale del Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano, d’intento con l’Amministrazione locale, e ha trovato nel deputato dell’Ulivo Franco Ceccuzzi il sostenitore principale.
“La concretizzazione del progetto nato con la presidenza di Massimo Romeo, promotore dell’iniziativa – ha dichiarato il presidente del Consorzio, Luca Gattavecchi – è il premio al lavoro che abbiamo intrapreso a Montepulciano a partire dai produttori di vino con l’obiettivo di contribuire a una forte qualificazione del territorio grazie a una stretta collaborazione con l’Amministrazione Comunale”. A sostenere la Pdl di Ceccuzzi, tra gli altri, il Presidente della Commissione Agricoltura, On. Marco Lion e il Presidente della Commissione Finanza, On. Paolo Del Mese, il Presidente di Symbola, On. Ermete Realacci e il Presidente delle Città del Vino, Valentino Valentini. “Sono da sempre favorevole a iniziative che come questa stimolano nel nostro Paese azione concrete – ha detto l’On. Marco Lion nel suo intervento – e credo che per questo settore particolare il futuro sia proprio nella iniziativa congiunta tra consorzi e amministrazioni locali che nel Governo dovranno trovare un supporto finanziario”.
“Montepulciano vive di un forte legame tra il suo territorio e il mondo del vino – spiega il sindaco di Montepulciano, Massimo Della Giovampaola – e solo creando una sinergia tra amministrazione e chi opera nel territorio in maniera diretta sarà possibile mantenere intatto questo equilibrio perfetto che consolida il sistema economico locale. A questo proposito già si possono vedere i primi risultati nel progetto del restauro dell’Antica Fortezza di Montepulciano”.
Obiettivo della Pdl, che può interessare gli oltre 120 consorzi vitivinicoli italiani e gli oltre 50 consorzi di tutela di prodotti a marchio Dop e Igp, pari a oltre 50mila aziende del settore, è quello di stimolare un lavoro sinergico tra pubblico e privato operante nel settore dell’agroalimentare attraverso progetti comuni di sviluppo che abbiano una valenza sociale per il rispettivo territorio. Le erogazioni previste sono vincolate ad accordi preventivi tra i consorzi e le Amministrazioni finalizzati alla realizzazione di programmi di riqualificazione territoriale monitorati dal Mipaaf.
“La proposta di legge – precisa l’On. Franco Ceccuzzi, primo firmatario – parte da un progetto importante del Consorzio dei produttori di Vino Nobile che insieme al Comune di Montepulciano hanno dato vita a una serie di attività congiunte per la promozione e la valorizzazione del territorio. Grazie anche al contributo delle Città del Vino la Pdl nasce come strumento primario verso una riforma complessiva rurale”. La proposta sarà valutata a settembre, ma non si esclude, a detta del presidente della Commissione Finanza, On. Paolo Del Mese, una sottoscrizione bipartisan che renda abbreviato il percorso di approvazione.

Fonte Asa