Il segreto della longevità sta nelle noci macadamia

Il segreto per vivere a lungo e in salute potrebbe essere contenuto nelle noci macadamia, frutto originario dell'Australia.
Ad affermarlo e' il genetista Annibale Puca, studioso dei meccanismi molecolari dell'invecchiamento nell'Istituto Scientifico MultiMedica, che in un recente studio genetico ha individuato il segreto della longevita' nell'acido palmitoleico, contenuto in alte quantita' nel frutto australiano.
La ricerca e' stata presentata nel corso del Convegno ''La medicina del benessere: attualita' e prospettive'', svoltosi di recente a Milano.

Scoperte oltre 500 anni fa dagli aborigeni, le noci macadamia contengono un'alta percentuale di acido palmitoleico, protagonista di alcune delle piu' recenti scoperte sulla longevita'. La longevita', intesa come la capacita' di raggiungere eta' molto avanzate in buona salute, e' un tratto in parte geneticamente determinato, spiega l'esperto, ma viene anche influenzato da fenomeni ambientali.

La dieta ricopre un ruolo fondamentale, e il recente cambiamento nelle abitudini alimentari e' uno dei motivi per cui le popolazioni industrializzate hanno enormemente incrementato l'aspettativa di vita negli ultimi 160 anni ''Non bisogna dimenticare – spiega Puca – che il profilo lipidico riflette, oltre al patrimonio genetico ereditato dai progenitori, anche i cibi che consumiamo tutti i giorni, in grado di modificare la struttura delle cellule''.

Scheda noci macadamia

Generalità
Le specie coltivate di Macadamia (Famiglia delle Proteaceae) sono due: la Macadamia integrifolia, coltivata nei paesi tropicali, e la Macadamia tetraphilla, adatta per le aree subtropicali e temperate.
E' una specie originaria dell'Australia e attualmente e' coltivata, oltre che nel Paese di origine, negli Stati Uniti, in Guatemala, in Sud Africa e in Israele. In Italia sono presenti solo alcuni esemplari.
Specie arborea che raggiunge i 10-12 metri di altezza, presenta fiori ermafroditi ad impollinazione entomofila e ornitofila. I frutti, noti anche come "noci del Queensland", hanno aspetto diverso in quanto, oltre che dalle specie menzionate, possono derivare da ibridi tra le due specie e da varieta' selezionate, in particolare negli Stati Uniti.

Varietà
Le migliori varieta' presenti sul mercato (Beaumont, Burdick, Cate, Elimback, Kelmac 1 e 2) appartengono alla Macadamia Tetraphilla e sarebbero adatte alla coltivazione nell'Italia meridionale.

Tecnica colturale
La propagazione avviene per seme, ma e' preferibile l'innesto. La pianta predilige i terreni di medio impasto tendenzialmente sciolti, con pH acido. Il sesto di impianto e' 6-8 x 6-8 e la forma di allevamento e' a vaso a pieno vento. Anche se resiste bene alla siccita', risponde bene agli interventi irrigui.

Produzioni
Produce i primi frutti dopo 6-7 anni; questi vengono raccolti a terra, dopo la caduta naturale, o mediante raccolta meccanica.