Il Premio internazionale Vinitaly assegnato a Krug e Antinori

Krug e Antinori, sono questi i due «produttori dell’anno» che, in occasione del quarantesimo anniversario di Vinitaly, entrano nell’Albo d’Oro del Premio Internazionale Vinitaly 2006.
Questo premio, dal 1996 riconosce chi si è particolarmente distinto (imprenditore, azienda, giornalista)a favore del settore vitivinicolo.
La scelta premia due aziende che hanno nell’eccellenza il loro stile inconfondibile, ottenuto però rimanendo sempre fedeli alle proprie origini.
Nel caso dell’azienda Marchesi Antinori si tratta di una storia familiare lunga oltre 600 anni, da quando nel 1385 è stata fondata la cantina, «che grazie alla guida sapiente di Piero Antinori – si legge tra l’altro nella motivazione del premio – in questi ultimi anni ha dato un contributo di grande prestigio al progresso e all’evoluzione dell’enologia italiana e alla sua affermazione nei più importanti mercati internazionali».
Per la Krug Champagne si tratta di un riconoscimento alla «grandezza di questa inimitabile maison, che ha dato un contributo non solo alla Francia enoica, ma a tutta la produzione enologica mondiale, indicando quale è la strada per ottenere successi duraturi».
I prestigiosi riconoscimenti verranno consegnati durante la serata di gala del 40° Vinitaly, che avrà luogo mercoledì 5 aprile nello storico palazzo della Gran Guardia e sarà curata dallo chef Vissani.
I premiati 2006 entrano in un Albo d’Oro che rappresenta il meglio dell’enologia mondiale:
– il direttore editore di Wine Spectator, Marvin Shanken (premiato nel 1996),
– l’«inventore» del Sassicaia, Nicolò Incisa della Rocchetta (1996),
– dell’amministratrice di Chateaux Margaux, Corinne Mentzelopoulos (1997),
– dell’innovatore siciliano Lucio Tasca d’Almerita (1997),
– di uno dei più importanti vigneron californiani, Robert Mondavi (1998),
– del titolare della Vega-Sicilia, Pablo Alvarez (1999),
– del grande astigiano Aldo Conterno (2000),
– dell’australiana Cantine Penfolds di Magill (2000),
– di Carlo Bonomi Campanini, presidente e titolare dell’azienda vitienologica italiana Sella&Mosca di Alghero (2001),
– delle Cantine Trapiche-Peñaflor di Coquito Maipu Mendoza in Argentina (2001),
– dell’astigiana F.lli Gancia & C. (2002),
– della tedesca Keller (2002),
– del cavaliere del lavoro Gianni Zonin (2003),
– della californiana Kendall Jackson International (Usa, 2003),
– della Mastroberardino SPA (2004),
– della spagnola Segura Viudas (2004),
– delle Cantine Giorgio Lungarotti (2005) e
– di Alexander Payne Usa), regista del film “Sideways (2005).

Comunicato stampa del Servizio Stampa Veronafiere
Tel.: + 39.045.829.82.42 – 82.85 – 82.90 – 83.78
Fax: + 39.045.829.81.13
E-mail: pressoffice@veronafiere.it –