Il Golosario premia il meglio di AgriFood Club

A Vinitaly, premiata l'eccellenza agroalimentare italiana.

Paolo Massobrio autore de Il Golosario insieme a Marco Gatti, domenica a Vinitaly hanno consegnato i premi Agrifood Club-Il Golosario destinati alle aziende che più hanno colpito la commissione di degustatori, guidata dall'esperta di analisi sensoriale Paola Gula, che da giovedì ha girato fra gli stand del padiglione, cresciuto nel numero di espositori rispetto alle prime edizioni.

Sabato pomeriggio Massobrio e Gatti hanno svolto le degustazioni finaliste ed il verdetto, diviso in 8 categorie, è stato come sempre ampio, segno della buona qualità del settore agroalimentare italiano in tutti i campi. "E' stato difficile scegliere, ed in particolare le birre presentate da circa 10 microbirrifici italiani erano tutte da premio. Abbiamo scelto – dicono quelli di Papillon – due cases history che hanno puntato sulla valorizzazione di due prodotti locali come il riso e la cicerchia. C'è tuttavia da sottolineare come nel campo della birra – dice Paolo Massobrio – si stia affermando proprio la distinzione agricola, con cereali autoctoni e non solo".
"Stesso discorso – ha sottolineato Marco Gatti – vale per le paste, tutte meritevoli, da quella marchigiana, ben presente ad Agrifood a quella Campana con la clamorosa esperienza di Gragnano. Un premio è sempre limitativo, benchè sia indicativo della ricchezza che attraversa il nostro paese".

"Una menzione speciale, infine, ci riserviamo di dare – proseguono Massobrio e Gatti – a Vittorio Beltrami di Cartoceto, grande talent scout e produttore di formaggi, che ha presentato un sistema del suo territorio e poi l'Accademia delle 5 T, fondata dal giornalista Guido Stecchi, per l'entusiasmo e la scrupolosa selezione dei prodotti del territorio.

Ecco l'elenco dei premiati, nell'edizione Agrifood Club – Golosario 2011

Sfiziosità
Colimena di Avetrana (Ta), con il Tonnetto;
CalabriaIttica di Anoia (Rc): con la Delizia di alici;

Distillati e Liquori
Antica Valle Francescana di Bastia Umbra (Pg): con il Nocino e aceto balsamico;
Natur Med di Cosenza: con il liquore Liquorizia
Ravera Arturo Walter di Cherasco (Cn): con il Liquore al Cioccolato

Confetture e mieli
Agricola Bonanno Domenico di Campobello di Mazara (Tp): con la Marmellata di Fichi d'India:
Mielotecaitaliana di Montezemolo (Cn): con la Confezione dei mieli d'Italia.

Dolci e cioccolati
T'A Milano di Milano: cioccolatini ripieni di pistacchi, dragées alle fragole;
Odilla Chocolat di Torino: col cioccolatino Felicin Vigna di Roncaglia.
Giraudi di Castellazzo Bormida (Al): con il cioccolatino al gorgonzola

Formaggi
Consorzio Tutela Formaggio Monte Veronese di Soave (Vr): Monte Veronese;
Consorzio Valorizzazione prodotti razza Bruna Italiana di Bussolengo (Vr): Parmigiano di Bruna
Valle del Bonamico di Locri (Rc): Pecorino di capra – 24 mesi.

Salumi
Prosciuttificio Crosare di Visentin & c. di Crosare di Presana (Vr): Prosciutto crudo – 18 mesi;
Dal Massimo Goloso di Coredo (Tn): Schiena di maiale affumicata.
Salumificio Maison Bertolin di Arnad (Ao): Lardo di Arnad.

Bevande & Birre
Birrificio Artigianale Abbà di Livorno Ferraris (Vc): birra La Farinella (a base di farina di riso)
Mastri Birrai Umbri di Giano dell'Umbria (Pg): birra speciale Rossa artigianale (a base di cicerchia umbra)
La Spina Santa Liquori di Bova Marina (Rc): Bergotto, bevanda a base di bergamotto

PASTE E RISI
Riseria La Pila di Isola della Scana (Vr)
Pastificio Marella di Gioia del Colle (Ba)
Pasta dei Coltivatori Toscani – Consorzio Agrario di Siena

Ma Il Golosario di Paolo Massobrio, il best seller dedicato alle mille e più cose buone d'Italia è anche su iPhone con la versione Universal de IL GOLOSARIO-RISTORANTE: 2.050 ristoranti tratti da questo volume e dalla GuidaCriticaGolosa (a Piemonte, Lombardia, Valle D'Aosta, Liguria e Costa Azzurra).

Dopo il successo delle versioni su iPad, sia delle guida ai migliori negozi d'Italia (sono 3.700) e della guida ai ristoranti, con tanto di georeferenzazione, il fondatore del movimento di consumatori Papillon premia anche i possessori dell'iPhone, che potranno viaggiare col suggerimento dei "faccini" più o meno sorridenti con cui vengono giudicati i locali provati in incognito e pagando il conto. Ma questa guida concepita solo per iTunes, raccogie anche le cantine che offrono ospitalità e che sviluppano di fatto l'enoturismo in Italia. La guida, valida sia per iPhone che iPad si scarica al costo di 7,99 euro.

Sarah Scaparone
giornalista – ufficio stampa
Press Passion
tel. 334.3269338
scaparone@presspassion.it
www.presspassion.it