Il Friuli Venezia Giulia chiama a raccolta i giornalisti

Circa cinquecento, fra giornalisti specializzati, ma anche operatori turistici italiani e stranieri saranno ospitati nel corso del 2006 nel Friuli Venezia Giulia per far loro conoscere in maniera approfondita i molteplici aspetti che la Regione propone.
Il dato è stato recentemente annunciato dall’Assessore Regionale alle Attività Produttive Enrico Bertossi parlando delle numerose iniziative pubblicitarie e promozionali che TurismoFVG sta attuando per promuovere il mare e la montagna, ma anche le città d’arte, l’enogastronomia e altri specifici settori.
Giornalisti in visita individuale ma anche educational con gruppi di partecipanti che vengono portati a conoscere le nostre realtà attraverso itinerari studiati, diversificati di volta in volta in base alle singole richieste e agli obiettivi che sono stati scelti per la promozione.
Per quanto riguarda gli operatori turistici le visite sono elaborate in base ai mercati di riferimento cui ci si rivolge o a temi identificativi specifici legati ai piani di marketing promozionale del Friuli Venezia Giulia.
In questa prima parte dell’anno nel Friuli Venezia Giulia sono già giunti in visita parecchi giornalisti, in rappresentanza delle maggiori testate delle aree di competenza.
Le visite sono iniziate ancora a gennaio con la presenza di giornalisti di una prestigiosa rivista nazionale di turismo che hanno realizzato un servizio particolare su un argomento definito come “Intellectual chic, autori e luoghi in Friuli Venezia Giulia”. Si è poi passati a “I Caffè di Trieste” per arrivare a parlare dell’inverno nel tarvisiano. In marzo gastronomia e turismo a Trieste, sul Collio, Cividale e Grado, quindi altro giro, questa volta per Venzone, Gemona, Palmanova e Spilimbergo, per illustrare “Il Friuli Venezia Giulia, Monicelli e i luoghi del film La Grande Guerra”.
Sempre in marzo si è parlato di Dolomiti friulane, quindi in aprile di Udine, San Daniele e Trieste. Una troupe del centro Tv della Russia ha successivamente avuto modo di conoscere il Collio, in generale i vini della regione, Grado, Cividale e tutti gli aspetti gastronomici.
Un altro argomento molto importante, sviluppato attraverso un percorso in bicicletta nel Friuli Venezia Giulia con tappe a San Daniele, Cividale e Lignano, è stato curato dai giornalisti di una rivista specializzata del settore. Poi “Hemingway a Lignano”, Trieste con il tema “Sui luoghi dell’ultimo film di Tornatore “La sconosciuta”, e ancora, questa volta con l’utilizzo di due tipi diversi di bicicletta da trekking e da spiaggia, da Trieste ai castelli di Duino, Miramare e Muggia per abbinare la bicicletta alle visite ai monumenti e alle scoperte enogastronomiche.
Giornalisti austriaci, sempre invitati da TurismoFVG, hanno visitato in seguito Lignano, Grado, Aquileia e Marano Lagunare per il progetto “Mare-città” mentre un gruppo di giornalisti spagnoli alla scoperta della città e dell’enogastronomia hanno avuto modo di visitare Villa Manin, assistendo a Sapori Pro Loco, Aquileia e Grado e di partecipare a Cantine Aperte.
Per i prossimi giorni sono previste inoltre promozioni della montagna estiva (una decina di giornalisti italiani che gireranno la Carnia e il Tarvisiano), del mare e dell’enogastronomia (un gruppo di giornalisti inglesi visiterà Lignano, Grado e San Daniele del Friuli in occasione della Festa del prosciutto), e per finire la promozione del mare con un ulteriore educational di una decina di giornalisti italiani che saranno portati a conoscere Lignano, Marano Lagunare e Grado.