Il formaggio cipriota Halloumi in cerca di acquirenti internazionali

Il governo cipriota sta mobilitando le sue ambasciate all’estero per aiutare a vendere una scorta di sei milioni di chili di formaggio halloumi al di fuori dell’UE dopo che la domanda è diminuita a causa della pandemia di Covid-19.

Il ministro del Commercio Natasa Pilides ha detto ai parlamentari martedì che la domanda si è sgretolata nell’ultimo anno a causa dei blocchi in tutta Europa che hanno bloccato il settore dell’ospitalità e il turismo zoppicante sull’isola delle vacanze.

La delizia tradizionale è l’esportazione più grande e più riconoscibile dell’isola, ha detto Pilides.

“Attraverso il ministero degli Esteri, abbiamo contattato tutte le ambasciate per aiutare a smaltire le scorte attraverso accordi bilaterali”, ha affermato.

Ad aprile, l’Unione Europea ha registrato l’halloumi come Denominazione di Origine Protetta (Dop) dopo che Cipro ha presentato una domanda di Dop alla Commissione Europea nel luglio 2014 per il formaggio prodotto prevalentemente con latte di pecora e/o capra.

Sebbene i produttori di formaggio affermino che le esportazioni stanno riprendendo, stanno vendendo prodotti freschi perché se scaricano le vecchie scorte ai clienti abituali, i prezzi diminuirebbero.

“L’opzione di inviare quantità maggiori ai nostri clienti abituali nell’UE significa che dovremmo abbassare drasticamente i prezzi, portando a una svalutazione del prodotto”, ha affermato Andreas Andreou, funzionario dell’Associazione dei produttori lattiero-caseari di Cipro.

In ogni caso, le scorte di halloumi prodotte prima del 1° ottobre non possono portare il marchio Dop, motivo per cui le autorità stanno cercando mercati al di fuori del blocco.

Fonte: Euronews.com/

Fonte: euroricette.it