Il culatello aiuta a prevenire il cancro

Anche Paolo De Castro, ministro per le Politiche agricole, è intervenuto recentemente ad una serata a Busseto per i dieci anni di Consorzio e i dieci anni del culatello di Zibello. Il Consorzio ha assegnato l'11° premio Culatello d'oro nel teatro Verdi di Busseto.
L'intervento di De Castro ha posto l'accento sulla necessità di innescare quei circuiti che consentono ai prodotti tipici e tradizionali italiani di sfondare sui mercati esteri. Per il ministro, «abbiamo un settore che può vincere questa sfida, anche con politiche di qualità. Ma bisogna avere una grande capacità organizzativa e lavorare di più sotto il profilo commerciale, imparando a comunicare con la grande distribuzione. Se siamo riusciti a sfondare sui mercati internazionali con il vino italiano, e anche in questo caso si tratta di migliaia di piccoli produttori, possiamo farlo anche con i prodotti tipici».
La notizia più apprezzata dalla folta platea di uditori è stata certamente quella data da Giorgio Calabrese, docente di Nutrizione umana all'Università Cattolica di Piacenza, che ha annunciato come, in seguito a recenti studi, il culatello «oltre a essere buono fa anche bene. Le carni così stagionate infatti contengono quel medesimo acido oleico che è contenuto nell'olio d'oliva. E abbiamo notato anche la presenza di Cla, un acido polinsaturo che, in carni così trattate, viene potenziato. Il Cla si è rivelato essere un'arma in più per la prevenzione dei tumori alla mammella».
Edoardo Raspelli, critico gastronomico e giornalista, ha invece preferito insistere sul fatto che il consumatore italiano si trova alla mercè di leggi a volte incongruenti. Ha portato alcune confezioni di prodotti alimentari, facendo notare che «sulle etichette manca qualsiasi indicazione di provenienza degli ingredienti. Se utilizziamo la bandiera dell'italianità dei nostri prodotti, anche gli ingredienti devono provenire, nei limiti del possibile, dal nostro Paese».
Terminato il convegno, Massimo Spigaroli, presidente del consorzio, ha invitato i presenti alla cena di gala, che si è tenuta sulla piazza antistante il teatro. Elegante l'unica tavolata illuminata da candelabri d'argento decorati con tralci di vite. Alcune arie verdiane intonate dalla corale "Verdi" di Busseto hanno allietato la deliziosa cena, aperta ovviamente dal culatello di Zibello, preparata per 300 persone. E infine Spigaroli e Guido Tampieri, sottosegretario alle Politiche agricole, hanno premiato con il Culatello d'oro Calabrese e Raspelli.

Fonte: Libertà