Il ''caveau'' d'Oltrepo custodirà i vini del territorio

Il prossimo 11 maggio alle ore 20,30 presso l'Ersaf di Torrazza Coste, il direttore del Consorzio vini dell'Oltrepo, Carlo Alberto Panont, presenzierà al 1° incontro- degustazione con le aziende associate, dei vini che saranno inseriti nel Caveau, anche in linea con la richiesta di disciplinare “Colli d’Oltrepo”.
Le aziende che hanno aderito alla prima riunione sono una trentina.
Altri incontri dedicati agli associati saranno organizzati nelle prossime settimane, mentre successivamente si terranno presentazioni per i giornalisti.
Alla degustazione saranno presenti anche il poeta Francesco Beghi e l'esperta in analisi sensoriale, dottoressa Federica Rossini.
Un modo interessante, che evoca un certo fascino, quello di custodire in un "caveau", quasi fossero gioielli, i vini "fermi" dell'Oltrepo (prodotti con uve Pinot nero, Croatina, Barbera e Riesling).