Identità Golose: il Congresso è servito

Come al solito l’affluenza è notevole e la nuova sede ospita in modo confortevole i partecipanti, sia gli “standisti”, sia i protagonisti (coloro che saliranno sul palcoscenico per i lavori), come pure il pubblico che dimostra come di consueto, grande attenzione, e ammirazione oltre ad elargire scroscianti applausi agli chef che si raccontano pubblicamente.
La genialità è una dote che si può esprimere in varie forme, per lo più però nel caso del Congresso di Identità Golose, viene manifestata con semplicità e arrendevolezza dagli chef che salgono sul palco.
Un evento unico realizzato per merito di Paolo Marchi, giornalista di Milano che lo ha fortemente voluto e che è giunto, nel 2009, alla quinta edizione.
Quattro giorni, complicati da una fitta nevicata che ha bloccato la viabilità del Nord Italia, ma che darà comunque i suoi frutti in termini di progresso dell’alta cucina italiana, ormai conosciuta a livello planetario per le sue qualità gustative e salutistiche.
Un’eccellenza da promuovere e difendere con ostinazione perché contribuisce al raggiungimento di innumerevoli altri scopi, quali l’economia e il benessere o meglio il ben vivere.
Obiettivi che la Lombardia sta perseguendo, affiancata da sponsor autorevoli quali Lavazza, Grana padano, S. Pellegrino, Birra Moretti tanto per citarne alcuni..
Il Congresso, iniziato domenica 1, si concluderà mercoledì 4 febbraio.

Danila Orsi Tibaldeschi

Identità golose. Congresso italiano di cucina d’autore
Milano – Fieramilanocity
Via Gattamelata
Ufficio Stampa: Elisa Zanotti elisazanotti@identitagolose.it

Il Congresso vede raccolti 70 chef provenienti da Italia, Europa, Stati Uniti, Brasile ed Afghanistan.
La nazione ospite del 2009 è la Francia. La regione ospite le Marche.
Lezioni in due sessioni, una dedicata al protagonismo degli chef ed una dedicata a seminari e tematiche specialistiche, con particolare attenzione a verde, verdure, alghe, zafferano, dessert d’autore e gelato d’autore.