I “germoglia di legumi” sono i responsabili dell’epidemia di E. coli

Bruxelles, giugno – "Si tratta di uno sviluppo estremamente importante". Cosi' il commissario Ue alla Salute, John Dalli, ha commentato la conferma delle autorita' tedesche che alcuni tipi di germogli prodotti in un'azienda a sud di Amburgo sono responsabili dell'epidemia di e.coli.
"La fonte del contagio ora e' nota – ha proseguito Dalli in un comunicato della Commissione europea – e i consumatori europei ed i loro partner commerciali potranno adesso avere piena fiducia nella sicurezza delle verdure Ue". Il responsabile sanitario Ue ha anche sottolineato che "la Commissione, insieme agli Stati membri, sapra' trarre lezione da questa crisi per consolidare i meccanismi di protezione e risposta". Bruxelles rende anche noto che l'Ue si sta impegnando per mettere in pratica l'accordo politico raggiunto ieri al vertice Russia-Unione Europea per per la revoca del bando di Mosca alle importazioni di verdure Ue e per l'introduzione di un sistema di certificazione. Intanto il presidente della Federazione degli agricoltori tedeschi, Gert Sonnleitner, ha chiesto all'Ue di aumentare gli aiuti agli agricoltori colpiti dalle conseguenze dell'epidemia che ha provocato 33 morti in Europa. "Il danno di questa crisi – ha affermato Sonnleitner – e' di circa 600 milioni e confidiamo che il commissario europeo all'Agricoltura Dacian Ciolos aumenti l'offerta, che al momento e' di soli 210 milioni di euro".