I francesi e la Costituzione

Sarà l'esito di un referendum popolare che avverrà il 29 maggio in Francia, a decidere la promozione o la bocciatura della Costituzione Europea in Francia.
Il Ministero dell'Interno d'oltr'Alpe sta spedendo a gni elettore il trattato costituzionale, un documento di presentazione e due schede elettorali, una per il sì e una per il no.
Spiega il direttore del dipartimento elettorale, Paul Masseron:
"L'operazione logistica consiste effettivamente nell'inviare entro il 14 maggio ai 42 milioni di elettori un pacco personalizzato, del peso di 243 grammi, in modo che abbiano il tempo di documentarsi e di pronunciarsi con cognizione di causa".
Un investimento statale da 125 milioni di euro ma che sembra avere l'effetto desiderato dal governo Chirac, che vuole rispettare, con l'utilizzo del referendum, la voglia di partecipazione dei francesi alle decisioni pubbliche.
I francesi sentono forte l'esigenza di di essere informati ed in questo periodo si sono impennate le vendite di libri che spiegano pregi e difetti della Costituzione europea.

Costituzione: le date Paese per Paese
1) Lituania novembre 2004
2) Ungheria dicembre 2004
3) Slovenia febbraio 2005
4) Spagna febbraio 2005
5) Lettonia febbraio 2005
6) Cipro marzo 2005
7) Italia aprile 2005
8) Belgio maggio 2005
9) Germania maggio 2005
10) Svezia dicembre 2005
11) Finlandia gennaio 2006
12) Portogallo aprile 2005
13) Olanda giugno 2005
14) Francia giugno 2005
15) Rep. Ceca giugno 2005
16) Lussemburgo luglio 2005
17) G.Bretagna gennaio 2006
18) Austria data da definire
19) Estonia data da definire
20) Grecia data da definire
21) Malta data da definire
22) Slovacchia data da definire
23) Danimarca data da definire
24) Irlanda data da definire
25) Polonia data da definire