Huile d’olive de la Vallée des Baux-de-Provence

Francia – L’Huile d’Olive de la Vallée des Baux de Provence Dop è un olio di oliva vergine ottenuto dalla mescolanza di almeno due delle seguenti varietà principali di olive: Salonenque, Béruguette o Aglandau, Grossane o Redounau, e Verdale des Bouches-du-Rhône. Possono essere inoltre presenti la varietà secondaria Picholine e diverse varietà locali come: Saurine, Triparde, Pétoussin, Bécarude, Vermillale, Coullache e Pountchude.
La zona di produzione e di trasformazione delle olive si estende sui 16 comuni seguenti: Arles, Aureille, Baux-de-Provence, Eygalières, Eyguières, Fontvieille, Lamanon, Maussane-les-Alpilles, Mouriès, Orgon, Paradou, Saint-Étienne-du-Grès, Saint-Martin-de-Crau, Saint-Rémy-de-Provence, Sénas e Tarascon, tutti situati nel dipartimento delle Bocche del Rodano, nella regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra.

Le olive devono essere raccolte ad un buon grado di maturazione, direttamente dall’albero o su reti tese e possono essere conservate nei mulini per non più di sei giorni. La lavorazione avviene con processi sia meccanici, sia fisici a freddo ad una temperatura massima di 30°C per separare gli oli di prima estrazione evitando così che il calore modifichi i valori organolettici del prodotto finale. I trattamenti autorizzati sono esclusivamente il lavaggio, la decantazione, la centrifugazione e la filtrazione.

L’Huile d’Olive de la Vallée des Baux de Provence Dop presenta una grande complessità aromatica e organolettica con delle note vegetali di fieno e carciofo cotto, fruttate di mela matura e fragola, di pomodoro candito e cacao.

L’Huile d’Olive de la Vallée des Baux de Provence Dop appartiene ad un territorio in cui il settore olivicolo ha avuto sempre un peso importante: la Vallée des Baux de Provence. Il distretto di Mouriès, nel cuore della Vallée des Baux de Provence, con i suoi 75.000 alberi è il distretto con la produzione olivicola più alta della Francia rispetto al numero di alberi presenti. Nonostante lo spopolamento dei paesi a favore delle aree urbane, gli oliveti si sono conservati sui pendii delle colline, mantenendo un’importante ricchezza di varietà. La Vallée des Baux de Provence è uno dei suoli più adatti alla coltivazione dell’olivo. La fama dell’olio deve molto all’impegno profuso da più di venti anni dal Signor Cornille, ex-presidente del Mulino cooperativo di Maussane, struttura attiva fin dal XVI secolo.

L’olio di oliva è un alimento facilmente deperibile che necessita di una corretta conservazione per mantenere intatte le sue caratteristiche organolettiche. È dunque opportuno conservarlo in ambienti freschi e al riparo dalla luce, ad una temperatura compresa fra 14 e 18°C, lontano da fonti di calore e da prodotti che emanino particolari odori. È inoltre consigliabile consumarlo entro quattro – sei mesi dalla spremitura, per gustarlo nel periodo di massima espressione del suo sapore. È consigliabile consumare l’Huile d’Olive de la Vallée des Baux de Provence Dop a crudo per poterne apprezzare gli aromi e i sapori fruttati. Per far sì che il prodotto mantenga tutte le sue proprietà nella preparazione di pietanze calde, è consigliata la cottura a bassa temperatura. È il condimento perfetto per una insalata verde, per legumi grigliati o per accompagnare una bella fetta di pane.

Il prodotto è immesso in commercio nella tipologia Huile d’olive de la Vallée des Baux de Provence Dop. È commercializzato confezionato in contenitori di vetro o di lamina metallica.

Le caratteristiche del territorio della Vallée des Baux de Provence, costituito da uno dei suoli più adatti alla coltivazione dell’olivo, contribuiscono a conferire all’Huile d’Olive de la Vallée des Baux-de-Provence Dop la sua particolare complessità aromatica ed organolettica. Fonte: Qualivita