Grande affluenza di pubblico a ''Più libri più liberi''

Chiude con numeri da record 'Più libri più liberi': oltre 37mila visitatori in quattro giorni hanno preso d'assalto la Fiera della Piccola e media editoria che termina oggi alle 20 la sua quarta edizione al Palazzo dei Congressi dell'Eur, a Roma. Dati che superano di gran lunga quelli della scorsa edizione, realizzata come sempre dall'Associazione Italiana Editori (Aie) e dal Comune di Roma – Assessorato alle Politiche culturali, con il sostegno di Provincia di Roma, Regione Lazio, Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il patrocinio dell'Istituto Scolastico Regionale per il Lazio, a cui si aggiungono l'Istituzione Biblioteche di Roma, partner operativo dell'Aie nell'organizzazione dell'evento, l'azienda di trasporti capitolina Atac e Radio 3 Fahrenheit. Si punta a raggiungere i 40mila visitatori per questo appuntamento, che lo scorso anno aveva invece contato 38mila visitatori (in cinque giorni, non in quattro). La manifestazione, con oltre 50mila libri, 358 espositori e 262 stand, ha catalizzato anche l'attenzione della stampa nonostante i due giorni di sciopero: oltre 400 infatti i giornalisti accreditati nella quattro giorni. Sabato, giornata di punta con gli incontri-presentazione di Baricco e Camilleri, i visitatori della Fiera sono stati 12.715, quasi 3.500 in più dello scorso anno (nella terza giornata dell'edizione 2004 si erano contati 9.453). Successo anche per l'attività della Bibliolibreria, l'iniziativa curata dall'Istituzione Biblioteche del Comune di Roma, quest'anno suddivisa in due sezioni: nell'arco dei quattro giorni i libri presi in prestito dagli adulti sono stati 1125 e 363 quelli nello Spazio ragazzi (con un incremento del 50% circa rispetto al 2004). I giochi, le favole, i video, la Mostra dello Spazio ragazzi hanno conquisto quest'anno 3735 bambini tra i 3 e i 14 anni, accompagnati da 3470 adulti (fra genitori e insegnanti). Successo anche per la 'missione' dei buyers di alcune case editrici straniere, in Fiera – grazie alla collaborazione con l'Istituto nazionale per il Commercio Estero – in cerca di titoli da tradurre. Qualcuno ha già trovato l'accordo. Il primo a tagliare il traguardo è stato l'editore Newton&compton che ha ceduto alla portoghese Presença i diritti di 'Mi piaci da morire', il romanzo di Federica Bosco. La casa editrice spagnola Tusquets sta inoltre ultimando accordi per tradurre sia 'Il gay', il romanzo di Paolo Zanotti edito da Fazi, sia 'E venne la notte' dell'autore romano Victor Magiar, edito da Giuntina. La casa editrice Siruela (Madrid) è interessata a due titoli di Valeria Parrella pubblicati ad Minimumfax: 'Mosca più balena' e 'Per grazia ricevuta'. All'inaugurazione con il ministro per i Beni e le Attività culturali Rocco Buttiglione e il sindaco di Roma Walter Veltroni, ha dato il via ad una carrellata di ospiti e vip che si sono alternati in incontri e presentazioni ed hanno condiviso l'inno bibliofilo e libertario di Più libri più liberi, quest'anno con lo slogan "I libri accendono i pensieri": dagli assessori alla cultura di Comune, Provincia e Regione, Gianni Borgna, Vincenzo Vita e Giulia Rodano, a Piero Angela, Pino Scaccia, Oliviero Beha, Paolo Crepet, il premio Pulitzer David Vise, per proseguire con Marisa Laurito, Mita Medici, Lidia Ravera, Giulietto Chiesa, Daniele Capezzone, Claudio Sabelli Fioretti, Dario Salvatori, Alberto Dentice, Patrizia Cavalli per passare infine agli ospiti della giornata conclusiva Oliviero Diliberto, impegnato nella tavola rotonda sul giallo-noir, Mario Bonicelli, Furio Scarpelli ed Ettore Scola. "Siamo davvero molto soddisfatti – ha commentato il presidente del Gruppo editori dell'Aie, Enrico Iacometti – Quarantamila visitatori in 4 giorni sono un dato davvero molto significativo: questo prova che creare una vetrina per questi libri e per la piccola e media editoria di qualità ci permette anche di trovare il loro pubblico. La manifestazione cresce, è evidente, e crescerà ancora di più nella sua quinta edizione, dove si presenta come iniziativa di punta all'interno di Torino con Roma capitale mondiale del libro". Appuntamento all'edizione 2006 di 'Più libri più liberi', sempre al Palazzo dei Congressi dell'Eur, dal 7 al 10 dicembre.