Golosaria ha acceso il Monferrato

"La più bella soddisfazione è stata girare nei paesi che si sono coinvolti con Golosaria e partecipare ad una festa. E' stata veramente la festa del Monferrato", così Paolo Massobrio al termine della manifestazione ha commentato la terza edizione di Golosaria, organizzata in collaborazione con Palazzo del Monferrato e Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, che ha visto la partecipazione di migliaia di persone venute da ogni parte d'Italia in particolare da Lombardia, Emilia Romagna, Liguria, Toscana e Veneto.

Vignale Monferrato ha avuto momenti di grande partecipazione, soprattutto domenica pomeriggio, mentre nel teatro strapieno si teneva un concerto gospel in omaggio alle 30 edizioni di Vignale Danza. Lunghe file fuori dall'Enoteca Regionale prima di accedere agli assaggi dei migliori produttori del Golosario, ma anche lunghe file di auto e moto che giravano tra le colline. Partecipata anche la presentazione della guida "Dei tesori della campagna. In viaggio nel Monferrato e nella Provincia di Alessandria" di Alexala domenica mattina nel Castello Reale di Oviglio dove Paolo Massobrio ha parlato di una base di lavoro per il futuro, perché non tutti i tesori sono stati ancora valorizzati e quasi tutti risiedono nei piccoli comuni: per questo hanno bisogno da parte dei sindaci dell'urgente adozione della denominazione comunale (De.Co.)

"Un altro fatto clamoroso di Golosaria – commenta Paolo Massobrio – è che nonostante sia all'ordine del giorno la parola crisi, in questa edizione sono stati inaugurati nuovi relais di charme, castelli ristrutturati, iniziative culturali e libri. Davvero nel Monferrato si respira un'aria di positività che noi di Papillon continueremo ad accompagnare da subito attraverso l'arricchimento del sito permanente sul Monferrato www.italiadigolosaria.it" conclude Massobrio.

Paolo Massobrio che domani sarà a Milano con il ministro per le Politiche Agricole Luca Zaia, tornerà su questo tema come sugli itinerari per Expo 2015 che già hanno preso come simbolo il Castello di Camino e quindi il Monferrato.

E adesso è la volta di Golosaria tra i castelli del Monferrato che guarda la provincia di Asti. Martedì 10 marzo ci sarà il prologo con il Premio Giovanni Fungo (ore 16.00 Cassa di risparmio di Asti), e poi sabato 14 e domenica 15 tra Moncucco Torinese e Montiglio Monferrato sempre nel nome della donna nella storia e di Anne d'Alencon (sabato sera a Gonzaga – Mn il presidente della Provincia di Mantova ha dichiarato davanti al vicepresidente di Papillon Marco Gatti che sarà ufficialmente presente a Golosaria).
Grande attesa infine per il raduno dei sindaci e dei vignaioli piemontesi domenica 15 marzo alle ore 15.00 a Colle Don Bosco per avviare la proclamazione di San Giovanni Bosco patrono dei vignaioli italiani. Per maggiori informazioni www.golosaria.it

Sarah Scaparone
Ufficio Stampa
334/3269338
CLUB PAPILLON
Via Roberto Ardigò, 13/b
15100 Alessandria