Gmail cambia, ecco come

Design più asciutto e con notifiche in stile smartphone, sezioni più chiare da navigare: l’aggiornamento della posta elettronica di Big G 

Google si appresta ad aggiornare l’interfaccia utente di Gmail, il suo servizio di e-mail utilizzato da 1.8 miliardi di persone in tutto il mondo.

A partire dall’8 febbraio, infatti, inizierà su scala internazionale il rilascio della nuova versione della home-page del servizio. Da quella data e progressivamente in tutto il mondo lo stile della piattaforma vivrà aggiornamenti sostanziosi; e dall’inizio della prossima estate questi cambiamenti saranno permanenti, non sarà quindi più possibile utilizzare la vecchia versione. Ma solo per gli utenti Workspace.

L’intenzione di Big G è – come sempre, d’altronde, in ogni aggiornamento di ogni interfaccia – rendere tutto più semplice e appagante. Gli strumenti saranno dunque disponibili in modo più rapido, senza dover saltare fra tab differenti o perdersi in sottosezioni. Dal menu laterale, che rimarrà all’estrema sinistra, saranno accessibili la posta in entrata, le chat (Meet, Chat e Spaces) e le altre sezioni ma in modo diverso rispetto ad ora, in cui i diversi servizi si accavallano in un’unica colonna obbligando gli utenti a scorrere.

Come programmare l’invio di una e-mail su Gmail

Non solo in vacanza: modulare l’invio della posta nei momenti migliori può essere utile anche in una normale settimana lavorativa. Ecco come fare:

esordiranno anche le bolle di notifica per indicare il numero dei messaggi da leggere nelle diverse caselle, allineandosi alle logiche da smartphone, e la barra di ricerca si farà più granulare, permettendo all’utente di cercare non solo nelle e-mail ma anche nelle conversazioni in chat. Massima continuità, insomma, fra posta e messaggistica.

La fase di distribuzione degli aggiornamenti, perfettamente in stile Material You (il nuovo linguaggio di design presentato durante l’ultimo Google I/O), si divide in tre fasi: dall’8 febbraio e per due settimane sarà riservata ai domini Rapid Release, dal 22 febbraio per tutti gli altri. Poi, da aprile, l’attivazione della nuova interfaccia sarà automatica per tutti gli utenti Workspace (cioè paganti), ma per qualche settimana sarà possibile ripristinare manualmente la versione classica. Dalla fine del secondo trimestre (dunque intorno a giugno) la rinnovata interfaccia sarà l’unica disponibile, nessuna marcia indietro possibile.

L‘aggiornamento è per ora riservato, come detto, agli utenti Workspace, ma con ogni probabilità, nel corso dell’anno, arriverà per tutti. Anche per chi usa la posta elettronica per esigenze personali.

Fonte: Vanityfair