Giornata mondiale della salute

Gli italiani, soprattutto nelle grandi citta', non fanno moto: i sedentari assoluti sono il 29%, ma solo il 33% della popolazione, secondo i dati del sistema PASSI, svolge un livello di attivita' fisica conforme alle raccomandazioni. In circa un terzo dei casi i medici, o altri operatori sanitari, si sono informati al riguardo e hanno consigliato genericamente di svolgere attivita' fisica. Esiste quindi un buon margine di miglioramento, soprattutto tra i 50-69enni, le donne, le persone con livello di istruzione piu' basso e tra coloro che riferiscono di avere molte difficolta' economiche. In particolare, dai dati Passi emerge come sia urgente promuovere l'attivita' fisica nelle Regioni meridionali. Un problema che riguarda prevalentemente le aree urbane, e che si somma ad altri fattori di rischio come l'inquinamento e l'igiene. Proprio al tema della salute urbana e' dedicata domani la Giornata mondiale della salute. Due le sfide di questa edizione: coinvolgere 1.000 citta', aprendo spazi pubblici per la salute (promuovendo attivita' nei parchi, riunioni del municipio, pulizia delle campagne, o chiusura di porzioni di strade ai veicoli motorizzati), e raccogliere mille storie di 'campioni di salute urbani'. Tra il 7 e l'11 aprile le citta' che aderiscono sono chiamate a incentivare la chiusura di alcune zone urbane al traffico e la loro ridestinazione ad attivita' a favore della salute. In Italia la citta' di Udine ha dato la propria adesione attraverso due progetti: il progetto pilota Pedibus, che promuove l'offerta del servizio mattutino di accompagnamento a piedi per i bambini di due scuole elementari da parte di un gruppo di volontari formato da parenti, insegnanti e studenti di altre scuole e, un progetto che promuove al contempo l'attivita' fisica regolare e la socializzazione e che consiste nell'effettuare periodicamente passeggiate di gruppo su strade urbane o extra urbane sotto la guida di un esperto. L'8 aprile la citta' di Imola verra' chiusa al traffico veicolare e ospitera' eventi all'aria aperta (tra cui lezioni di ginnastica, taiqi quan e yoga), mentre nelle strade periferiche i cittadini potranno incontrare i professionisti della salute che illustreranno le attivita' pratiche per tenersi in forma. Il 10 aprile nel Comune di Arezzo verranno ospitati mercati di prodotti sani, giochi per bambini all'aperto, iniziative scolastiche, eventi musicali e di ballo, gare di bicicletta e di corsa. Saranno inoltre organizzati incontri rivolti alla popolazione inerenti l'attivita' fisica e gli stili di vita. Il Comune di Olevano Romano (RM), infine, ha programmato per l'11 aprile un corsa libera per le strade (per l'occasione chiuse al traffico veicolare), e per i giorni 10- 11 aprile la festa della salute, che prevede partite amichevoli tra i giovani e passeggiate lungo le strade del paese.

Fonte: Agi/salute