Forlimpopoli si prepara alla ''Festa Artusiana''

Dal 20 al 28 giugno a Forlimpopoli la 13ª edizione della manifestazione: nove giorni di incontri, degustazioni, spettacoli, mercatini e riflessioni sul cibo

La promozione della cucina di casa, la meditazione su tradizione ed innovazione nella gastronomia, la ricerca del vero in tavola e del made in Italy saranno al centro della Festa Artusiana 2009.
Arrivata alla 13ª edizione la Festa – in programma dal 20 al 28 giugno 2009 a Forlimpopoli, città natale di Pellegrino Artusi – continua a mettere al centro dell’attenzione il cibo non solo come piacere per il palato, ma anche come tema di riflessione culturale e sociale, nel solco di una tradizione ormai consolidata in 13 anni di vita, secondo la formula che affianca momenti di spettacolo a convegni di alto livello e che rende la manifestazione uno degli appuntamenti più amati dell’estate romagnola.

Durante i nove giorni di Festa, si alterneranno oltre 150 appuntamenti fra laboratori e degustazioni, una ventina di appuntamenti imperniati sulla cultura del cibo, più di 50 spettacoli di ogni genere (teatro, cabaret, concerti, performance di strada, e molto altro) oltre 30 ristoranti allestiti appositamente per la festa che si affiancano a quelli già attivi a Forlimpopoli. E ci saranno ospiti importanti, che affronteranno i diversi temi della cultura gastronomica: fra loro il professor Tullio Gregory, premio Marietta ad honorem 2009, Massimo Bottura, patron dell’Osteria Francescana di Modena, Giovanni Ballarini, Presidente dell’Accademia Italiana della cucina.
Rinviato, invece, all’autunno l’incontro con Serge Latouche, il paladino della decrescita, a cui è stato assegnato il Premio Artusi 2009.

Appuntamenti di rilievo
Ecco alcuni tra gli appuntamenti più importanti che si svolgeranno a Casa Artusi, il centro di cultura gastronomica dedicato alla
cucina domestica italiana, legati dal filo conduttore del “Vero e buono in tavola”.
Sabato 20 giugno, alle ore 20,45 la presentazione del volume “Il falso in tavola. Una mistificazione da conoscere e da contrastare” a cura di Giovanni Ballarini, Presidente dell’Accademia italiana della cucina; a seguire, il conferimento del premio della regione Emilia Romagna a Massimo Bottura, patron dell’Osteria Francescana di Modena, primo cuoco italiano inserito nella graduatoria mondiale della prestigiosa S. Pellegrino World’s 50 Best Restaurants 2009 al 13° posto. Idealmente collegata al giorno d’apertura la serata di giovedì 25 giugno, con il convegno nazionale “Il buon cibo del Pellegrino – Il valore del made in Italy” organizzato da Coldiretti Emilia-Romagna.che metterà sotto i riflettori i protagonisti del cibo 100% italiano.
Domenica 21 giugno si svolgerà la premiazione dei Premi Marietta ad Honorem: Tullio Gregory, autore di ponderosi saggi filosofici, e Alba e Desolina Milandri, due arzille signore che gestiscono da più di 40 anni la trattoria Passatore di Salbagnone (FC): lo stesso Gregory sarà presente lunedì 22 giugno alle 20,45 all’incontro sul tema “Del gusto e della sua storia”, seguito dalla degustazione del “baron di castrato”, in uso un tempo nella cucina romagnola.
Mercoledì 24 giugno alle ore 20,45 l’incontro “La conservazione del cibo da Columella ad Artusi. I luoghi della conservazione in Romagna”, per scoprire la conservazione degli alimenti, dagli antichi romani ad oggi.
Si chiude in bellezza sabato 27 giugno alle ore 18,30, con il convegno nazionale dal titolo “Artusi, le tecnologie, il design”, per riflettere sull’evoluzione della cucina domestica raccontata nel ricettario artusiano, alla luce delle innovazioni tecnologiche e del design. Tra i contributi, anche alcuni dei maggiori testimoni del design italiano nel mondo, dalle aziende Alessi e Guzzini.

Come di consueto, le nove serate dell’Artusiana offrono un ricco programma di spettacoli per tutti i gusti, disseminati in vari punti della città, tra musica, danza, teatro, racconti, spettacoli di strada. Anche l’arte ha un ruolo importante nella Festa Artusiana, con mostre allestite in diversi punti della città, dagli acquerelli del pittore forlimpopolese Pierluigi Baldelli all’esposizione di oggetti di cucina da parte di Alessi e Guzzini, fino agli arazzi stampati a mano dalla storica Bottega Pascucci di Gambettola sui disegni di Tonino Guerra.

Il programma completo è disponibile sul sito:
www.festartusiana.it

Per info: tel. 0543 749234.

Ufficio Stampa – Agenzia PrimaPagina
Via Sacchi 31 – 47023 Cesena
tel. 0547 24284 – cell. 339 6535982
Caterina Molari, Federica Bianchi
molari@agenziaprimapagina.it
http://www.agenziaprimapagina.it