(Fava Santorinis) «Φάβα αντορίνης

Grecia – La Fava Santorinis Dop è ottenuta dai semi di Lathyrus clymenum L. , una pianta fiorita coltivata su otto isole delle Cicladi nel Mar Egeo Meridionale. Dalla semina al confezionamento, ogni fase della produzione avviene nelle isole, utilizzando metodi locali che risalgono a millenni fa. Il prodotto finale assume la forma di piccoli dischi d’oro; una volta cotti assumono una consistenza vellutata dal gusto dolce, perfetti come base leggera per svariate pietanze o come gustoso contorno.

Il nome ‘fava’ compare per la prima volta in frammenti di una tragedia perduta di Eschilo, risalente al VI-V secolo a.C.

Tuttavia, la storia del Fava Santorinis Dop può essere fatta risalire ad altri 1.000 anni, a un evento storico di importanza sismica.

Nel XVI secolo aC, una delle più grandi eruzioni vulcaniche mai registrate ebbe luogo sull’isola di Santorini. L’eruzione decimò la geografia dell’isola e costrinse le popolazioni locali a fuggire. Uno dei più grandi insediamenti abbandonati fu la città minoica di Akrotiri, ricoperta da strati di cenere e polvere vulcanica.

Migliaia di anni dopo, gli scavi hanno rivelato che gran parte della città era stata preservata. Tra le numerose opere d’arte e reperti rinvenuti, gli archeologi hanno scoperto i resti di semi, che sono stati identificati come appartenenti alla pianta Lathyrus clymenum L .. Le prove hanno dimostrato che la pianta era stata raccolta e che i semi erano stati macinati per il consumo.

Quando le persone tornarono sull’isola negli anni successivi all’eruzione, ripresero la pratica di coltivare Lathyrus clymenum L. , una delle poche colture che potevano prosperare nel suolo vulcanico.

Sopravvissuta all’eruzione, anche la produzione di Fava Santorinis è sopravvissuta alla prova del tempo, diventando una coltura di base per gli isolani e un piatto molto amato oltre le sue coste.

Nel 2010, il patrimonio unico di Fava Santorinis è stato riconosciuto dall’Unione Europea quando al prodotto è stato assegnato lo status di Denominazione di Origine Protetta (Dop).

La Fava Santorinis Dop è ottenuta dai semi di Lathyrus clymenum L. , una pianta volubile che fiorisce in petali cremisi, con tocchi di viola o lilla. La pianta cresce ampiamente e selvaggiamente in tutto il Mediterraneo, ma viene coltivata solo come coltura su un piccolo gruppo di isole nel Mar Egeo meridionale.

Situate nella regione delle Cicladi, queste isole comprendono Santorini (nota anche come Thira) e sette isolotti circostanti: Thirasia, Palea Kameni, Nea Kameni, Aspro (Aspronisi), Christiani e Askania nelle Cicladi.

Le isole sono bagnate dal sole, che in genere si estende per oltre 200 giorni all’anno, e sferzate dai venti secchi settentrionali del Mar Egeo, noti come meltemia .

Il corpo volubile di Lathyrus clymenum L. si aggrappa alle superfici, aiutandolo a resistere alla meltemia . Come pianta xerofila, può sopravvivere nelle condizioni aride, quasi desertiche delle isole. Con risorse idriche terrestri minime o inesistenti, la pianta assorbe l’acqua dall’aria umida del mare attraverso l’osmosi, un processo che conferisce alla pianta il suo alto contenuto di zucchero.

Allo stesso modo, la pianta ha la capacità di trattenere l’azoto atmosferico, affrontando così il suolo vulcanico delle isole, che è carico di depositi di pomice e lava, ma manca sia di materia organica che di nutrienti inorganici di base, come potassio o azoto.

La competenza si è evoluta nel corso dei millenni per garantire un raccolto stabile di fronte a queste difficili condizioni ambientali. I piselli vengono lavorati secondo metodi tradizionali, con la maggior parte delle fasi di produzione ancora eseguite a mano.

La semina avviene tradizionalmente a metà inverno, con alcuni coltivatori che osservano ancora l’usanza di piantare i primi semi il 21 dicembre, solstizio d’inverno.

Una volta seminato, il raccolto deve essere sapientemente coltivato e monitorato fino a quando non è pronto per la raccolta.

I semi raccolti vengono poi essiccati al sole dell’Egeo, prima di essere riposti in depositi scavati nella roccia vulcanica. Conosciuti come kanaves , questi depositi forniscono le condizioni perfette per l’invecchiamento dei semi, proteggendoli dai parassiti e mantenendoli sufficientemente duri da resistere al processo di macinazione.

La molitura avviene in mulini a pietra, dove si tolgono le bucce e si separano i semi dai cotiledoni.

I dischi gialli appiattiti risultanti vengono confezionati rapidamente, al fine di prevenire danni da umidità, parassiti e malattie.