Europa, Risotto e Gianduiotti agli spettatori della Scala

Vezzeggiati e coccolati anche dai maestri della "gola", gli appassionati di lirica che parteciperanno alla storica riapertura del Teatro alla Scala di Milano, martedì 7 dicembre 2004.
L'opera in programma, dal titolo "Europa riconosciuta", è stata composta da Antonio Salieri nel 1778 per Maria Teresa d'Austria.
Allora, come oggi, ebbe l'onore di inaugurare il Teatro alla Scala.
"Europa riconosciuta" è un dramma in musica, il cui nuovo allestimento è curato dal Direttore, Riccardo Muti e:
– Regia, Luca Ronconi
– Scene e costumi, Pier Luigi Pizzi
– Coreografia, Heinz Spörli
– Interpreti principali
Europa: Diana Damrau,
Anna Kristiina Kaappola,
Isolde Siebert,
Semele Désirée Rancatore,
Anna Smiech,
Asterio Genia Kühmeier,
Sabina von Walther,
Isseo Daniela Barcellona,
Elena Cassian,
Egisto Giuseppe Sabbatini,
Jeremy Ovenden,
Stefano Ferrari.
Alla successiva cena di gala del dopo Scala, hanno già prenotato oltre mille persone che quest'anno vengono ospitate nei laboratori scaligeri realizzati negli ex Stabilimenti Ansaldo di Via Tortona a Milano.
L'esclusivo menu dello chef, il maestro Gualtiero Marchesi, non poteva che prevedere come primo piatto, un "risotto allo zafferano (detto per l'appunto anche "alla milanese" essendo un piatto tradizionale meneghino), con funghi trombetta.
Il riso utilizzato è il "Carnaroli del Pavese Gran Riserva 2003".
La fabbrica di cioccolato Caffarel invece sarà presente per festeggiare questo grande evento di fama internazionale, regalando a tutti gli ospiti della Prima un piccolo cadeau contenente i famosi gianduiotti inventati da Caffarel nel 1865.
La storica azienda nata nel 1826, ha siglato nei giorni scorsi un accordo con il Teatro alla Scala di Milano con il quale diventa licenziataria del marchio per produrre una linea di confezioni di cioccolatini ad esso dedicata.
L'evento, di rilevanza internazionale,
permetterà di ammirare il Teatro alla Scala restaurato, finalmente ritornato ai milanesi.

Per saperne di più:
La Scala e l'Oriente: 1778-2004
L'imponente progetto in sintesi
La Scala di Milano e l'impronta di Mario Botta

Danila ORSI