E’ tempo di “Frutta dell’Autunno”. A Caserta

Venerdì 2 ottobre 2009 dalle ore 9:00, presso l'Unità di ricerca per la frutticoltura di Caserta in Via Torrino, 3, si terrà l'edizione 2009 di "Frutta dell'Autunno", giunta quest'anno alla IV Edizione. Si tratta di un evento promosso dall'Unità di Ricerca per la Frutticoltura di Caserta del Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura (CRA).

La manifestazione è stata da sempre sostenuta dall'Assessorato Regionale all'Agricoltura (SeSIRCA e Stapa-Cepica di Caserta) e da quest'anno anche da Agrisviluppo (Azienda Speciale della CCIAA di Caserta). Come per le precedenti edizioni, la manifestazione è articolata in una Mostra Pomologica di tutta la frutta che matura nella tarda estate-inizio autunno e in un incontro tecnico, quest'anno di rilevanza nazionale, dedicato all'aggiornamento varietale del Melo e del Pero nell'ambito del Progetto di ricerca del Mipaaf "Liste Varietali dei fruttiferi".

La Mostra, che è il seguito naturale del tradizionale Convegno Pomologico di Caserta, nasce con l'obiettivo prevalente di sostenere la tutela e la salvaguardia dell'enorme patrimonio frutticolo campano che soprattutto nel periodo di settembre-ottobre esplica le maggiori evidenze produttive e le tipicità prevalenti. L'occasione è anche quella di dare l'opportunità di osservare e conoscere biotipi e varietà di tante specie fruttifere: da quelle commercialmente più note, come mele, pere, kaki, pesche, susine, uva, agrumi, kiwi, nocciole, noci e castagne, a quelle minori ma comunque tipiche dell'area mediterranea (melograno, sorbo, giuggiolo, cotogno, mandorlo, fico d'india, corbezzolo) nonché di specie esotiche coltivabili nei nostri ambienti (come avocado, feijoa, nashi).

I laboratori che si occupano di tematiche di ricerca strettamente legate alla caratterizzazione molecolare delle varietà, alla diagnosi ed identificazione di agenti di malattie, alla micropropagazione e alla proteomica potranno essere visitati. I ricercatori, i dottori di ricerca ed i giovani neolaureati dell'Unità di Ricerca che seguono da vicino tali tematiche saranno disponibili per illustrare in dettaglio le loro attività.

Fonte: www.casertanews.it