E' nelle librerie d'Italia ''Il Golosario'' 2009

Di Paolo Massobrio, è un po’ libro, un po’ guida: 1000 pagine di prodotti, locali e negozi di cose buone

Una pubblicazione che racconta il “gusto” dell'Italia e dei suoi territori, ma è anche una guida turistica perché illustra, in poco più di mille pagine, le nostre località attraverso le sue produzioni tipiche.

E’ Il Golosario 2009 (Comunica Edizioni, 25.00 euro), il best seller di Paolo Massobrio che giunge con un nuovo formato e una nova veste grafica all’XI edizione. Una guida alle mille e più ghiottonerie, ai vini, ai negozi, alle boutique del gusto, a enoteche, cantine e ai ristoranti migliori d’Italia. Un libro cult per gli appassionati di enogastronomia e per quanti vogliono scoprire l’Italia attraverso le sue produzioni d’eccellenza.

Prodotto editoriale unico nel panorama nazionale, Il Golosario è diventato un libro da tenere in auto, non solo perché segnala il ristorante in cui merita la sosta, ma anche perché indica il negozio nel cuore di una città o l'agriturismo, evoluzione moderna del lavoro agricolo. E poi ci sono le cantine aperte tutto l'anno (quelle col lucchetto rosso, blu o bianco) e i microbirrifici che in Italia, da circa un lustro, rappresentano un fenomeno innovativo. Questo libro è dunque l'insieme, in poco più di mille pagine, di varie guide: la guida ai migliori prodotti (salumi, formaggi, paste, dolci sfiziosità, liquori…); quella degli oli curata da Maurizio Pescari; quella ai negozi che vanno dalle botteghe alle enoteche, dalle gelaterie alle panetterie, dalle boutique del gusto alle gastronomie; la guida alle cantine d'eccellenza, presentate con i loro vini top e la guida ai ristoranti per cui consigliamo un viaggio e una sosta.

Ecco nel dettaglio i numeri dell’XI edizione: 944 artigiani del gusto meritevoli di attenzione, le cui produzioni tipiche sono riconducibili a 48 microbirrifici, 16 acetifici, 13 torrefazioni, 41 cioccolatieri, 53 artigiani del dolce, 221 caseifici, 56 produttori ortofrutticoli, 82 liquorifici, 39 produttori di confetture e marmellate, 54 apicultori, 38 produttori di pane e farine artigiani, 57 pastifici e riserie, 27 trasformatori di prodotti ittici, 162 salumifici, 143 produttori di sfiziosità sottovetro. E poi ancora 3.487 Botteghe e Boutique del Gusto divise tra enoteche, panetterie, pasticcerie, gelaterie, macellerie, salumerie, gastronomie; 2.593 cantine segnalate coi propri vini top e con le indicazioni di apertura e di servizi aggiuntivi alla vendita del vino; 386 oleifici commentati dall’esperto Maurizio Pescari; 462 ristoranti d'Italia.

Il Golosario è uno strumento di facile consultazione ed è suddiviso per regioni, ognuna delle quali introdotta da un personaggio d’eccezione che racconta il suo rapporto con il cibo e i piatti preferiti della sua terra d’origine: per la Valle d'Aosta, Abele Blanc; per il Piemonte, Cristina Parodi; per la Liguria, Gino Paoli; per la Lombardia, Paolo Mieli; per il Veneto, Giancarlo Aneri; per il Trentino, Franco Mezzena; per l'Alto Adige, Tania Cagnotto; per il Friuli Venezia Giulia, Mario Luzzatto Fegiz; per l'Emilia Romagna, Maurizio Cheli; per la Toscana, Stefania Sandrelli; per le Marche, Dante Ferretti; per l'Umbria, Enrico Vaime; per il Lazio, Maurizio Costanzo; per l'Abruzzo, Alda D’Eusanio; per il Molise, Edoardo Siravo; per la Campania, Veronica Maya; per la Puglia, Maddalena Corvaglia; per la Basilicata, Camillo Langone; per la Calabria, Elisabetta Gregoraci; per la Sicilia, Emilio Fede; per la Sardegna, Massimo Cellino.

Dal Golosario e dalle sue eccellenze nascono ogni anno tre eventi dedicati ai migliori produttori d’Italia (Golosaria dall’8 al 10 novembre a Milano, Hotel e Convention Center Melià; Golosaria dal 22 al 24 novembre a Torino, Piazza dei Mestieri; Golosaria nel Monferrato dal 6 all’8 marzo).

“Questo libro – dichiara Paolo Massobrio – nasce vent'anni fa quando insieme alla rivista Papillon e alle mie rubriche sui settimanali nazionali dedicate alle cose buone d'Italia, si è formato un gruppo di consumatori attenti radunati attorno al Club di Papillon. Da allora l'attenzione a quel mondo di piccola impresa legato al gusto, si è moltiplicata, diventando capillare e sorprendente. Noi siamo per far emergere il buono dell'Italia concepita attraverso i suoi paesi e siamo perché ogni Comune deliberi la propria Denominazione Comunale con la quale identificarsi. Siamo per far conoscere l'azienda agricola, che eroicamente oggi si apre all'esterno, ma anche il negozio che esercita una funzione turistica e culturale. E così la cantina o il ristorante. Si parla di crisi in questi tempi, ma noi siamo certi che Il Golosario è un baedeker per combattere questa crisi, guidati verso la verità del gusto, che non è una cosa per pochi ma, ormai, una realtà diffusa: basta coglierla".

Il Golosario 2009 è acquistabile in tutte le librerie d’Italia e online sul sito www.clubpapillon.it.

Ufficio Stampa: Sarah Scaparone
Cinzia Montagna