Da Negroni l'idea evoluta del panino

Negroni, lo storico marchio della salumeria italiana ha fatto centro coniando il nuovo concetto di "Panino d'Autore", avvalendosi anche della collaborazione di Marco Bolasco, curatore della guida "I Ristoranti d'Italia" del Gambero Rosso.
Lo ha dimostrato una super affollata confrenza stampa tenutasi mercoledì 4 giugno sulla terrazza Martini di Milano, alla presenza di cinque noti chef dello Stivale che hanno di volta in volta descritto com'è nata e com'è stata realizzata la creazione del loro personalissimo panino.
In una società sempre più frettolosa, dove la pausa pranzo è contrassegnata da uno spuntino leggero, perchè non arricchirlo con salumi, quindi carne, quindi proteine nobili e rifinirlo con una maggior creatività?
E' quanto sostiene la Negroni e come hanno anche dimostrato gli chef designati, con il consenso unanime dei presenti.
Per questa ragione ogni giorno riproporremo ai nostri lettori le singole creazioni, ad iniziare dallo chef Bruno Barbieri dell'Arquade Relais Gourmands Villa del Quar, di San Pietro in Cariano in provincia di Verona.

1° Panino d'Autore

Ingredienti per 4 persone:
4 panini di grano saraceno
12 fette di Prosciutto Parma 20 mesi Negroni
1 melanzana
350 g di yogurt naturale intero
4-5 foglie di menta
1 pizzico di erbe secche (timo, origano e peperoncino)
sale, pepe, aglio e olio extra vergine d'oliva q.b.

La preparazione:

tagliare a fette le melanzane, passarle al grill e marinarle con olio extra vergine d'oliva, sale, pepe e aglio. Successivamente ripassarle in forno per 5/6 minuti aggiungendovi la menta. Battere le melanzane al coltello sino ad ottenere l'aspetto di una composta.
In un recipiente amalgamare lo yogurt alle erbe aromatiche secche, salare e pepare.
Riporre il composto in una stamina in frigo per 24 ore così da farlo sgocciolare. Trascorso il tempo necessario si otterrà un formaggio denso e cremoso.
Una volta che gli ingredienti sono pronti, tagliare i panini a metà, tostarli in forno, aggiungere una quenelle di battuto di melanzane, poi il Prosciutto Parma stagionato 20 mesi e ancora, a terminare, una quenelle di formaggio di yogurt con un filo di olio extra vergine d'oliva.
Chiudere infine il panino e arrotolarlo con della carta da forno dandogli la forma di caramella. Legare stretti i due giri della carta con del filo da cucina. Con un coltello elettrico tagliare il panino in due e servirlo in cartoccio.

In coda a questa presentazione è stata proiettata la nuova campagna stampa della Negroni, che avvalendosi dell'ormai storica "stella" (ricordate lo slogan: la stella di Negroni, vuol dire qualità!) in questo caso usata a mo' di aureola, raffigura giovani e meno giovani in vari momenti "ludici" creati dal gusto dei salumi Negroni.
Per evolversi, il gusto ha sicuramente bisogno di "partners" di questo calibro!

Weblink: www.negroni.com

Danila Orsi