Da buon'Italia a Bell'Italia

Dal 7 all’11 Luglio prossimi Marina di Carrara si ripropone come meta privilegiata del turismo enogastronomico con la quinta edizione della Mostra Mercato dei prodotti agroalimentari e la Rassegna nazionale del turismo enogastronomico.
L'evento si tiene nel complesso fieristico considerato una struttura d’avanguardia con i suoi 95.000 mq di superficie di cui 20.000 al coperto.
La vacanza sta diventando sempre meno ricerca di rumori e divertimento e sempre più voglia di sane emozioni e di ritorno alla natura; ecco, quindi, che si comprende come le tradizioni ed i riti della terra, del costume e della buona tavola sono appuntamenti che si ripetono ogni anno suscitando sempre più successo.
La formula arte-cibo è diventata, in questi ultimi anni, una delle più gettonate dalle guide internazionali.
Ecco, quindi, che " Buon’Italia " diventa l’occasione ideale per la riscoperta dell’enogastronomia e, in particolare, dei prodotti di nicchia, fortemente legati al territorio. Nell’ambito della manifestazione sono previsti numerosi appuntamenti studiati proprio per dare al pubblico la possibilità di avvicinarsi ai prodotti tipici e per dare ai produttori l’occasione per far conoscere quanto di più raffinato e selezionato sono capaci di produrre. Un ristorante proporrà piatti tipici legati a prodotti della cultura gastronomia italiana, si organizzeranno degustazioni guidate, isole del gusto, itinerari sul territorio, tutte occasioni per conoscere ed assaporare prodotti di nicchia e per mantenere in vita una cultura enogastronomica ricchissima quale quella italiana.
Novità della quinta edizione sarà la presentazione di " Bell’Italia ", la prima Rassegna del Turismo Culturale delle Città d’arte, dei centri storici minori e delle loro rievocazioni storiche.
" Bell’Italia ", affiancandosi a " Buon’Italia " desidera far conoscere le cose più belle ( e più buone ) che il nostro Paese è in grado di offrire in ogni regione, promuovendo al pubblico che affolla in quel periodo la Versilia non solo i monumenti e la storia locali, ma anche le tradizioni, il folclore, gli artisti di ogni epoca e le loro opere.
L’iniziativa è promossa dall’Arch. Lanfranco Viola della FIN-TER srl di Ferrara, lo stesso che anni fa ideò e realizzò la Borsa delle 100 Città d’Arte d’Italia che ancora si ripete a Ferrara con grande successo. E in questa occasione sarà dato particolare spazio e visibilità a tutte quelle città d’arte che si sono dimostrate più di altre attente alle necessità dei turisti, realizzando le ormai famose " City Card ".
Le " City Card " sono state correttamente definite dalla Dr.a Laura Pezzoni del Centro Studi del Touring Club Italiano, " come strumenti proposti ai turisti per agevolare le modalità della visita riunendo nella pratica di un unico titolo d’accesso pass per i trasporti pubblici, i parcheggi, i tours della città, l’ingresso ai monumenti ed ai siti archeologici, alle attrazioni, convenzioni con esercizi commerciali ed altro ancora".

Alessandro Tibaldeschi