''Cucina'' The ICIF newsletter

La pubblicazione trimestrale de: ITALIAN CULINARY INSTITUTE FOR FOREIGNERS, con sede nel Castello di Costigliole d'Asti, è un'associazione senza fini di lucro, costituita nel 1991 per “tutelare e qualificare l'immagine della cucina e dei prodotti italiani, presso i professionisti, che operano nella ristorazione all'estero”.

Da 18 anni organizza master e corsi brevi per chef stranieri che intendono acquisire una specializzazione italiana.

Ha sede nel medioevale Castello di Costigliole d'Asti, divenuto famoso nei secoli passati per aver ospitato la nobildonna Virginia Oldoini, sposata al Conte Francesco di Costigliole (1854), che visse per lunghi anni a Parigi (era stata inviata dal Conte Camillo Benso di Cavour, allora Presidente del Governo Piemontese), perché si diceva che esercitasse una notevole influenza sull'Imperatore Napoleone III.

Restaurato vent'anni fa, il Castello è ora sede di una scuola prestigiosa in tutto il mondo e nel corso del 2008, ICIF presenterà una grande innovazione. Verrà inaugurato il Garden Papillon, un nuovo edificio in vetro e metallo costruito nel parco del Castello di Costigliole d'Asti , che affiancherà la struttura esistente.

Il Consiglio Direttivo dell'ICIF ha illustrato quanto è stato realizzato nel mondo durante il 2007, dimostrando professionalità ed efficienza nelle varie “missioni” realizzate in ogni parte del mondo, dal Brasile alla Cina, dagli Stati Uniti all'Australia, grazie anche alla collaborazione e alla professionalità del personale docente, che ha contribuito a rendere grande l'istituto e a farlo conoscere sempre più nel mondo.

Oltre alla collaborazione delle aziende “sponsor”, bisogna ricordare l'impegno delle istituzioni pubbliche, quali la Comunità Europea, l'ICE (Commercio Estero) , la Regione Lombardia e la Federlombardia, che hanno condiviso le scelte dei responsabili dell'Istituto, considerando l'ICIF un veicolo ottimale per la divulgazione dei prodotti italiani nel mondo. Un ruolo importante, infine, quello della Regione Piemonte, che da sempre sostiene i programmi ed i progetti ICIF, compresa la costruzione della nuova sede, che presto verrà inaugurata.

La stampa internazionale ha sempre seguito, con particolare interesse, i grandi eventi realizzati in Italia e nel mondo. Il Museo del Gusto a Frossasco (Cuneo), dove l'ICIF ha una scuola, ha di recente promosso un Convegno sulle “intolleranze alimentari”.

Per il quinto anno consecutivo la catena inglese “Carluccio's” ha tenuto a Costigliole un master sulla cucina internazionale. Gli chef, Giancarlo Piccaretta e Davide Nusedo, hanno svolto presso le scuole alberghiere americane, corsi speciali al Connecticut Culinari Institute. In Brasile , con la collaborazione della FISAR, si sono svolti i corsi per sommeliers, mentre 12 studenti brasiliani hanno seguito i master promossi in Italia.

Il programma del 2008 prevede master e corsi brevi riservati a chef della Corea del Sud, Giappone, Brasile, con periodi di soggiorno che vanno da tre a sei mesi; quattro saranno svolti in lingua inglese.

Il direttore dell'ICIF Bruno Libralon ha recentemente ricordato che oggi l'istituto è presente in Europa: Germania e Grecia, in Estremo Oriente: in Cina, Giappone, India, Korea, Taiwan, Singapore, in Nord America: Usa e Canada e in Centro e Sud America : Argentina, Brasile, Messico e Perù.

Alfredo Zavanone