Conclusa la terza edizione di BCM

"Bordolesi Cabernet e Merlot". Con l'acronimo BCN, tutti in Villa ad assaggiare per gli assaggi.

Conclusa la terza edizione: visitatori da tutta Italia

Lonigo, 28 novembre 2008
Tutti in Villa, ad assaggiare Cabernet, Merlot e Bordolesi.
Una folla attenta e curiosa, nel pomeriggio di domenica scorsa – 23 novembre – ha gremito Villa Da Porto “La Favorita” a Sarego, nel Vicentino, nell'ambito di “BCM, Bordolesi Cabernet Merlot”. La rassegna enologica organizzata dal Consorzio Vini Vicentini, ha aperto i battenti sabato e per due giorni ha proposto ben 298 etichette in degustazione. Un grande successo di pubblico per un evento di portata internazionale: sono stati registrati visitatori giunti da ogni angolo del Veneto e anche da regioni vicine.
Una folla di varie età composta da giovani con le fidanzate, appassionati con mogli, aspiranti sommelier: tutti accomunati dalla passione o curiosità per il vino di alta qualità, tutti attorno ai tavoli a parlare con i produttori e a provare produzioni enologiche di 16 regioni d'Italia, dalla Sicilia all'Alto Adige, e di Paesi stranieri quali Israele, Stati Uniti e Argentina. Per tutta la giornata di domenica e il pomeriggio di sabato i presenti hanno potuto degustare nel salone della villa e nelle sale circostanti Bordolesi, Cabernet e Merlot in purezza, Petit Verdot, Carmenère e Malbech, assaggiare al piano interrato prodotti tipici vicentini come sopressa DOP, prosciutto crudo berico, panettoni Loison, pane fatto in casa intinto in olio d'oliva vicentino, per poi provare nella stessa sala un buon calice di vini delle DOC vicentine e ritrovarsi quindi ancora nel salone, ad affollare le tavole dei produttori più rinomati d'Italia nel momento dell'apertura delle bottiglie più pregiate e costose, quali il toscano Sassicaia. Presenti all'appuntamento circa venti nobili produttori da tutta Italia, che da secoli portano avanti la tradizione del vino bordolese – realizzato con una speciale composizione di uve Merlot, Cabernet Sauvignon e Cabernet Franc – nelle proprie tenute: proprio per l'eccezionalità della presenza di tanti vignaioli “dal sangue blu” l'evento quest'anno portava il sottotitolo “Vini aristocratici, nobili produttori”. Durante “BCM”, sabato mattina il salone della Villa ha ospitato un talk show in cui gli stessi produttori hanno parlato della propria storia ed esperienza: nel corso della “chiacchierata” è stato dato l'annuncio della prossima nascita di una nuova denominazione, nazionale, che abbraccerà e tutelerà i vini di taglio bordolese prodotti in Italia.
BCM è stato un successo che conferma la validità della formula della manifestazione, nelle parole di Fabio Piccoli, coordinatore di Palazzo del Vino (Co.Vi.Vi.): “L’eccellenza dei vini a uvaggio bordolese è stata presentata in una provincia, quella di Vicenza, che su questa tipologia detiene una sorta di leadership per tradizione e cultura: Cabernet e Merlot in provincia di Vicenza hanno trovato il loro habitat ideale. La Villa Favorita dimostra sempre di più che la presentazione di vini in ambienti prestigiosi anche dal punto di vista storico è un binomio vincente, che comunica ancor meglio i valori del vino italiano”. La terza edizione di “BCM” è stata realizzata dal Co.Vi.Vi – Consorzio Vini Vicentini, che comprende le DOC Vicenza, Colli Berici, Arcole, Breganze, Gambellara e Lessini Durello, riunite nel “Palazzo del Vino”, con il contributo di Camera di Commercio di Vicenza, Provincia di Vicenza e Regione Veneto, in collaborazione con Vicenza Qualità e l’associazione di ristoratori “Le Buone Tavole dei Berici”.

Alpe Comunicazione – Agenzia di Stampa in Vicenza