Cioccolato per prevenire la demenza e l'ictus

I golosi hanno una scusa in più per addentare senza rimorsi una tavoletta di cioccolato o, vista la stagione, gustarsi un gelato di cioccolato puro. Nel cibo degli dei, infatti, c’è un ingrediente che fa aumentare il flusso di sangue nel cervello. Offrendo una possibile soluzione contro la demenza senile e i danni da ictus.

A rivelare le proprietà benefiche dei flavanoli, dalle pagine di Neuropsychiatric Disease and Treatment, sono i ricercatori dell’università statunitense di Harvard assoldati dal settore ricerca di un noto marchio agroalimentare Usa specializzato in snack al cioccolato.

Studiando gli effetti dell’alimento su un campione di tempie grigie tra i 59 e gli 83 anni, gli scienziati si sono accorti che una bevanda al cioccolato ricca di flavanoli era in grado di aumentare il flusso sanguigno al cervello dell’8% dopo la prima settimana, e del 10% dopo la seconda.

«E mantenere l’afflusso di sangue al cervello su certi livelli – aggiungono gli scienziati – significa rallentare il declino cognitivo senile». Oltretutto l’effetto registrato sembra essere indipendente da quello antiossidante, precedentemente documentato dalla letteratura scientifica negli esami di laboratorio.