Cafè de Colombia

Colombia – Il caffè de Colombia Igp è un’indicazione geografica protetta , che è stata ufficialmente riconosciuta dall’Unione Europea il 27 settembre 2007. Questa denominazione è data al caffè 100% Arabica ( Coffea arabica ) prodotto nelle regioni di coltivazione del caffè della Colombia , delimitata tra latitudine nord 1° e 11°15, longitudine ovest 72°-78° e intervalli di altitudine specifici che possono superare i 2000 metri sul livello del mare. Il termine caffè colombiano è anche un marchio di certificazione registrato negli Stati Uniti.il 7 luglio 1981, e in Canada il 6 luglio 1990. Allo stesso modo, è riconosciuto come Denominazione di Origine Protetta in altri paesi del mondo, come Ecuador ,Bolivia e Perù .

I chicchi di caffè asciugati al sole dopo aver subito il processo di lavaggio, verranno poi tostati e macinati. La Colombia è il terzo paese produttore di caffè e il più grande produttore di caffè delicato al mondo. I principali paesi importatori di caffè colombiano sono Stati Uniti , Germania , Giappone , Paesi Bassi e Svezia .

Il caffè è stato il prodotto principale all’interno delle attività commerciali colombiane, registrando esportazioni fino a 2.560 sacchi. Dagli anni ’20, la Colombia si è classificata al primo posto come produttore mondiale di caffè delicato. L’associazione che contribuisce a promuovere la coltivazione del caffè in Colombia e la sua esportazione sui mercati internazionali, con la missione di garantire il benessere dei coltivatori di caffè colombiani è la Federazione Nazionale dei Coltivatori di Caffè della Colombia . I principali dipartimenti produttori di caffè in Colombia sono: Nariño , Norte de Santander , Antioquia , Valle del Cauca , Cundinamarca , Huila, Cauca , Tolima , Caldas , Quindío e Risaralda , gli ultimi quattro conosciuti come Eje Cafetero .

Esistono diverse versioni relative all’arrivo del caffè in Colombia. Alcune prove storiche indicano che i Gesuiti portarono il grano a Nuova Granada intorno al 1730. È arrivato grazie a un viaggiatore che proveniva dalla Guiana attraverso il Venezuela .

La più antica testimonianza scritta sulla coltivazione del caffè in Colombia è attribuita al sacerdote gesuita José Gumilla, che nel suo libro El Orinoco Ilustrado (1730) registrava la presenza del prodotto nella missione di Santa Teresa de Tabajé, svolta nei pressi della Foce del Fiume Meta nell’Orinoquía. Il caffè colombiano è considerato il più morbido al mondo.

La seconda testimonianza scritta è stata preparata dall’arcivescovo-viceré Caballero y Góngora (1787), che nella sua relazione alle autorità spagnole ne ha registrato la coltivazione nelle regioni vicino a Girón (Santander) e Muzo (Boyacá).

Dal 1835 il chicco di caffè iniziò ad essere coltivato commercialmente in Colombia a Salazar de las Palmas, Norte de Santander. Gran parte dell’incentivo alla produzione è attribuito a Francisco Romero, sacerdote dell’epoca che imponeva ai parrocchiani del paese, durante la confessione, la penitenza di piantare caffè. Questo fu un grande impulso per la diffusione della coltivazione del grano in quella zona del Paese. Con questi semi, si è ottenuta una successiva espansione e presenza del raccolto in dipartimenti come Santander , Norte de Santander , Cundinamarca , Antioquia , il centro del paese e successivamente nel sud.

Il consolidamento del caffè come prodotto di esportazione in Colombia si è verificato solo a partire dalla seconda metà del XIX secolo. L’espansione dell’economia mondiale in quel periodo ha fatto sì che i proprietari terrieri colombiani nella parte orientale del paese trovassero interessanti opportunità nel mercato internazionale. Nel tempo, il Nord America si stava consolidando come il più importante consumatore di caffè al mondo. Allo stesso modo, Germania e Francia sono diventati i mercati più interessanti in Europa .

Negli anni settanta del XIX secolo , il caffè iniziò ad essere scambiato sui mercati azionari mondiali e divenne la valuta internazionale dei paesi produttori, tra cui Brasile , Salvador , Guatemala e Messico . La Colombia è emersa come esportatore di caffè e produttore mondiale negli anni ’90.

Anni dopo, nel passaggio dal XIX al XX secolo, si registra un calo dei prezzi nel mercato internazionale, che incide sulla redditività e sull’economia dei grandi latifondi. A ciò si aggiunge lo scatenarsi della Guerra dei Mille Giorni , che rende impossibile mantenere adeguatamente le piantagioni; Un fatto che finisce per rovinare i raccolti, lasciando indebitati all’estero i latifondisti del Paese, entrati in crisi con le loro aziende agricole nei diversi dipartimenti del caffè dell’epoca.

Questa crisi delle grandi proprietà ha prodotto uno dei cambiamenti più significativi nella coltivazione del caffè colombiano. Dal 1875 il numero di piccoli coltivatori di caffè a Santander e ad Antioquia aveva cominciato ad espandersi. Nel primo decennio del XX secolo si era consolidato un nuovo modello di sviluppo dell’esportatore di caffè, guidato dalla colonizzazione di nuove terre, principalmente nei dipartimenti di Antioquia, Caldas, Valle del Cauca e Tolima. Questo, oltre alla crisi dei latifondi, ha portato il colombiano centro-occidentale a prendere la guida all’inizio del XX secolo rispetto allo sviluppo del caffè del Paese. Questo era favorevole per i proprietari di piccoli pacchi che stavano appena entrando nel settore. La coltivazione del caffè divenne un’opzione molto allettante per gli agricoltori,nella misura in cui offriva la possibilità di un uso permanente e intensivo del suolo, poiché permetteva di alternare le piante del caffè con altre colture di pane, fondamentali per la sussistenza. Si forgiava allora un’economia contadina di piccoli proprietari rurali, che ottimizzavano il lavoro familiare e che sopravvivono ancora oggi.

Nei primi due decenni del ventesimo secolo fu organizzata un’associazione di produttori di caffè colombiani, che tenne il suo primo congresso a Bogotà nel 1921. Durante il secondo congresso, tenutosi a Medellín nel 1927, fu costituita la Federazione nazionale dei coltivatori di caffè , realizzata dei produttori di caffè delle diverse regioni del Paese ivi iscritti e organizzati come persona giuridica di diritto privato di natura sindacale senza fini di lucro il cui obiettivo principale è il raggiungimento di una coltura del caffè organizzata e competitiva a livello globale.

Nel 1960 la Colombia era, dopo il Brasile , il secondo produttore mondiale di caffè di ogni tipo, con 892 547 ettari coltivati ​​e 578 041 tonnellate di produzione, equivalenti a 5 937 749 sacchi e un valore delle esportazioni di $ 2 124 492. tempo, il prezzo del grano a New York era di $ 0,43 per libbra di quattrocentosessanta grammi. Tuttavia, a quel tempo, i paesi produttori di caffè iniziarono a vivere tempi difficili a causa delle nuove piantagioni di caffè in Africa., prodotto a bassissimo costo. (Fattori Colombiani, 1962). Ciò ha costretto i paesi produttori a firmare un patto mondiale del caffè con lo scopo di regolamentare la produzione ed evitare che un eccesso di grano nel mercato provocasse un drastico calo dei prezzi internazionali. Il patto mondiale del caffè è stato rotto alla fine degli anni ottanta. Oggi sono più di cinquanta i paesi produttori di caffè, di cui Brasile , Colombia e Messico sono i principali, con il 53% della produzione mondiale.

Nel 1983 le esportazioni ammontavano a 8.990.859 sacchi da 60 kg. I principali acquirenti di caffè colombiano sono Stati Uniti , Germania , Giappone , Paesi Bassi , Svezia e Unione Europea . A marzo 2000, il prezzo del caffè colombiano alla borsa di New York era di 1,19 dollari USA per libbra. Nel gennaio 1999, la regione del caffè è stata devastata da un terremoto. La maggior parte delle coltivazioni di caffè sono state distrutte o semidistrutte. Tuttavia, quell’anno, il caffè rappresentava il 3,7% del prodotto interno lordo nazionale e il 37% dell’occupazione agricola.

Nel 2000, per soddisfare la domanda interna e alcuni ordini esterni, la Colombia avrebbe dovuto importare grano a causa della precarietà dei suoi ultimi raccolti. L’importazione sarebbe effettiva a partire dal 2001, o prima, se i raccolti non migliorassero. I possibili venditori sarebbero Ecuador, Perù e Centro America.

Nel 2005 il governo della Colombia ha riconosciuto al prodotto lo status di Denominazione di Origine . Nel giugno dello stesso anno è stata presentata all’Unione Europea la domanda di Indicazione Geografica Protetta per il Caffè Colombiano. Tale riconoscimento è stato concesso il 27 settembre 2007.

Nel 1940, il Fondo Nazionale Caffè è stato definito come un conto parafiscale (secondo la Costituzione del 1991 ) il cui obiettivo prioritario è quello di contribuire alla stabilizzazione del mercato del caffè. L’attuale entrata del fondo deriva dalla vendita del caffè, che viene effettuata in suo nome dalla Federazione all’interno del Paese e all’estero; remunerazione per servizi resi; quelli originati da imposte e contributi, e quelli derivanti dall’andamento dei diversi investimenti, anche finanziari. La vigilanza sul controllo fiscale è affidata al Controllore Generale della Repubblica .

Gli obiettivi fondamentali del National Coffee Fund sono tre: a) intervenire sul mercato nazionale ed estero del caffè al fine di promuovere il consumo di caffè colombiano, regolare l’ offerta e la domanda di caffè e ricercare un regime stabile dei prezzi interni, adeguato a alle esigenze dell’industria nazionale del caffè e alla gestione macroeconomica del Paese, attraverso l’ordinamento della produzione, la commercializzazione interna ed esterna e la conservazione delle eccedenze non esportabili; b) contribuire, mediante l’impiego delle proprie risorse, all’adempimento degli accordi internazionali in materia di caffè che lo Stato sottoscrive, e c) promuovere e finanziare programmi di ricerca scientifica , estensione, diversificazione ,educazione , salute , cooperativismo, assistenza sociale e altri che contribuiscono allo sviluppo, al rafforzamento e alla difesa dell’industria del caffè colombiana e all’equilibrio sociale ed economico della popolazione che vive nelle aree di coltivazione del caffè.

Articolo principale: Federazione nazionale dei coltivatori di caffè della Colombia – Dal 1927, la Federazione Nazionale dei Coltivatori di Caffè della Colombia ha tecnicizzato e promosso le colture attraverso la selezione delle qualità, e ha istituito una speciale protezione e difesa dell’elemento umano dedicato alla coltivazione del grano con programmi di sviluppo e diversificazione nel aree caffè. Ha anche regolamentato le esportazioni e difeso i prezzi sui mercati esteri. La creazione della Federazione nazionale dei coltivatori di caffè ha permesso ai produttori di stabilire un meccanismo di dialogo con il governo e la promozione di politiche per lo sviluppo del settore. L’unione di agricoltori e piccoli produttori intorno alla Federazione ha permesso loro di affrontare da allora sfide comuni di logistica e marketing.

Il caffè viene coltivato, preferibilmente, in terreni tra i 1.300 ei 2.000 m di altitudine. Le sue piantagioni occupano attualmente più di un milione di ettari con una produzione annua di circa dodici milioni di sacchi. I principali dipartimenti produttori di caffè sono Huila , Antioquia , Tolima , Caldas , Valle del Cauca , Cauca , Risaralda , Santander , Cundinamarca , Nariño , Quindío , Norte de Santander , Cesar , La Guajira , Magdalena ,Boyacá , Meta , Casanare e Caquetá . Nel tempo, e attraverso il Centro Nazionale Ricerche Caffè – Cenicafé fondato nel 1938, e il Servizio Estensione Rurale dei Comitati Dipartimentali dei Coltivatori di Caffè, si sono sviluppati sistemi di coltivazione e tracciabilità che consentono di differenziare il prodotto e di garantirne la qualità . Attualmente, il caffè colombiano viene prodotto in tutte le catene montuose e nelle zone montuose del paese, generando reddito per più di 500.000 famiglie che producono il grano.
Proviene dai dipartimenti di Caquetá e Putumayo, situati nella regione sud-orientale della Colombia, in particolare dove si osservano le pendici dell’Amazzonia. La coltivazione del caffè in questa regione avviene vicino ad aree di riserva forestale di grande importanza ecologica grazie alla sua ricca biodiversità, paesaggi e fonti d’acqua che riforniscono gran parte dell’Amazzonia colombiana. [ 26 ] Denominazione di origine da concedere. Raggiunge fino a 500 metri sul livello. L’umidità relativa media è dell’80% e le precipitazioni annue sono comprese tra 3.000 e 4.000 mm. Profilo in tazza: note selvatiche, profumo leggermente erbaceo, acidità medio-bassa, corpo elevato e sapore delicato.

Cauca: questa regione, situata nel sud-ovest della Colombia nel cosiddetto “Massiccio colombiano, è caratterizzata dal clima e dall’altezza omogenei. I terreni derivati ​​dalla cenere vulcanica ricevono correnti fredde dai vulcani Sotará e Puracé a est. Le piantagioni di caffè del Cauca trattengono gli acidi e gli zuccheri all’interno del chicco, importanti per i suoi attributi di acidità, dolcezza e morbidezza. Denominazione di origine conferita il 10 agosto 2011 .

Altezza: Raggiunge fino a 1700 metri sul livello del mare. Il 90% del raccolto principale viene raccolto tra aprile e giugno. I livelli di luce solare ad alta intensità generano deficit idrico nei mesi di luglio e agosto e condizioni favorevoli alla fioritura. Temperatura diurna vicina agli 11 gradi Celsius, con una temperatura media di circa 18°C. I cicli delle precipitazioni della regione hanno un’intensa stagione delle piogge durante l’anno, che tradizionalmente si verifica nella seconda metà dell’anno, dopo un periodo secco che termina in agosto-settembre. Le precipitazioni variano (media 2.069, media 2.170 millimetri di pioggia) punti di rugiada (12,5 e 12,3 gradi). Il Café de Cauca ha omogeneità ed equilibrio, presenta elevata acidità, corpo medio, impressione generale equilibrata, pulito, morbido con alcune note dolci e floreali.
Casanare: proviene principalmente dal comune di Támara, sulle pendici della pianura pedemontana. Denominazione di origine da concedere. Altezza: raggiunge fino a 1.160 metri sul livello del mare. Temperatura: Temperatura media di circa 21°C. Profilo della tazza: note di nocciola tostate, corpo medio, bassa acidità con aroma dolce e caramello.
Huila – Denominazione di origine concessa il 16 aprile 2013.

Narino Questa regione, situata nel sud-ovest della Colombia nel Nudo de los Pastos, è caratterizzata dalla sua diversità topografica e dalla sua ricchezza di pendii. I suoli delle Ande di Nariño derivano dalla cenere vulcanica del vulcano Galeras, che contribuisce alla permanenza e alla sostenibilità delle colture fornendo un gran numero di nutrienti di base per la produzione del caffè. Ci sono 37 comuni in questo dipartimento che producono caffè in questa regione. Denominazione di origine rilasciata l’11 febbraio 2011. Altezza: arriva fino a 2300 metri sul livello del mare.
Vendemmia: il 90% del raccolto principale viene raccolto tra aprile e luglio.
Esposizione al sole: Grazie alla sua posizione vicino all’equatore, riceve un numero costante di ore di luce solare durante tutto l’anno. Temperatura: Temperature medie e escursioni termiche giornaliere. Piogge: Una sola stagione delle piogge all’anno -da ottobre a maggio-; mesi meno piovosi da giugno ad agosto. Profilo in tazza: Elevata acidità, corpo medio, note dolci, con tazza pulita, liscia e con un aroma molto pronunciato.
Paesaggio. culturale del caffè (Caldas, Quindío, Risaralda e nord di Tolima e Valle del Cauca). Denominazione di origine scontata.

Santander: Denominazione di origine concessa il 25 agosto 2014.

Sierra Nevada (Maddalena) – Sovvenzione per la denominazione di origine.

Tolima – Questa regione si trova nel centro della Colombia e rappresenta il terzo produttore di caffè del paese. Il caffè viene prodotto in 38 comuni di questa regione. Denominazione di origine da concedere.

Juan Valdez è un simbolo e un’immagine del logo del Caffè della Colombia . Il logo Juan Valdez è stato creato nel marzo 1959 dall’agenzia Doyle Dane Bernbach (DDB). Con Juan Valdez, il suo mulo (Conchita) e le montagne colombiane sullo sfondo, lo scopo del logo è identificare e garantire i marchi che consistono veramente di caffè colombiano al 100% approvato dalla Federazione nazionale dei coltivatori di caffè della Colombia .

La filosofia, la tenacia e il duro lavoro dei produttori di caffè colombiani sono simboleggiati da Juan Valdez e condivisi da milioni di persone in tutto il mondo. Intorno a questo concetto, la Federazione nazionale dei coltivatori di caffè della Colombia ha sviluppato il programma 100% colombiano e una campagna di differenziazione e pubblicità attiva .

Fonte: www.wikipedia.org