Anche la gastronomia presente a ''Ciao Russia''

Con il simpatico slogan "Ciao Russia" parte l'ambiziosa campagna promozionale del Made in Italy a Mosca ed illustrata dal viceministro alle Attivita'Produttive Adolfo Urso.
Dal Ministero saranno stanziati 15 mln di euro e altri 25 mln da 10 regioni italiane, da enti pubblici e privati, permettendo cosi' di allestire in Russia 50 manifestazioni tricolori e fra queste anche alcune di carattere gastronomico.
Le altre manifestazioni spaziano dall'arte al design, dalla musica alla gastronomia, dal cinema allo sport, ma anche sfilate di moda e una missione spaziale congiunta.
Non c'è che dire: un approccio molto interessante per gli sviluppi commerciali che potranno scaturire.
Liguria, Emilia, Campania, saranno le regioni coprotagoniste nell'attivita' di promozione del made in Italy in Russia per il 2005.
Lo ha detto il Vice Ministro alle Attivita' Produttive on. Adolfo Urso, nel presentare il piano alle istituzioni russe.
Liguria e Campania parteciperanno al BYT Italia di Ekaterinburg e ai workshop tecnologici su settori come aerospazio, Itc, telecomunicazioni. L'Emilia, invece, esporra' i prodotti di alta gamma nelle boutique di Mosca e San Pietroburgo.