Allo studio anche i pesci realizzati in coltura cellulare

Il movimento europeo basato sulle cellule serve frutti di mare, salmoni, trote, carpe e gamberi coltivati ​​

Settembre 2021 — L’avvento del rinascimento basato sulle cellule dell’industria viene segnalato dai primi movimenti nello spazio, in particolare in Europa. Il gigante dei surgelati Nomad Foods si è unito al produttore di prodotti ittici coltivati ​​BlueNalu per sfruttare le opportunità commerciali e cogliere la sua quota di mercato per la nuova alternativa al pesce pescato negli oceani all’interno dell’Ue.

Nel frattempo, si prevede che i margini di profitto per la nuova fonte proteica aumenteranno in modo significativo con la diminuzione dei costi di produzione per i terreni di crescita delle colture cellulari, così come l’ambizione della nuova partnership della multinazionale olandese Royal DSM con la start-up di carne coltivata Meatable.

Parlando con FoodIngredientsFirst , i dirigenti delle aziende europee pionieristiche basate sulle cellule condividono ciascuno le proprie intuizioni sui propri obiettivi di crescita basati sul ridimensionamento rapido dei prodotti ittici senza cattura e senza macellazione.

Testare le acque di un nuovo mercato

Come una progressione naturale, la tecnologia dell’agricoltura cellulare ha dimostrato la sua portata oltre i tagli di bistecca primari, diversificandosi in pesci di varie specie . Ciò è tempestivo in quanto l’impatto ambientale degli attrezzi da pesca è venuto alla luce ulteriormente dopo il debutto del documentario di Netflix Seaspiracy .

Il nuovo accordo tra Nomad Foods e BlueNalu rappresenta il “primo del suo genere” tra un’azienda di CPG e un player basato sul cellulare. (Credito: BlueNalu)
Nell’Ue, la domanda di prodotti ittici sani e prodotti in modo sostenibile continua a crescere. Il nuovo accordo tra Nomad Foods – proprietario dei marchi Birds Eye, Findus e iglo – e BlueNalu rappresenta il “primo del suo genere” in Europa tra un’azienda di beni di consumo confezionati e un’azienda di prodotti ittici in coltura cellulare.

“Durante la prima fase della nostra partnership stiamo intraprendendo ricerche di mercato, approfondimenti di mercato e sviluppo di percorsi normativi di frutti di mare in coltura cellulare in Europa”, afferma Stéfan Descheemaeker, CEO di Nomad Foods. “Come parte della nostra collaborazione, lavoreremo con BlueNalu per valutare i requisiti normativi e fornire una guida per l’impegno con le agenzie di regolamentazione e i decisori competenti.

A complemento delle catene di approvvigionamento ittico esistenti, BlueNalu ha implementato una strategia di selezione delle specie che integra l’attuale catena di approvvigionamento ittica, concentrandosi su specie ittiche tipicamente importate, difficili da allevare, sovra sfruttate o non sostenibili o che contengono livelli più elevati di contaminanti ambientali.

Attualmente, non esistono standard di certificazione per i frutti di mare in coltura cellulare, considerando la novità di questi prodotti. Tuttavia, BlueNalu afferma che sta esplorando strategie di partnership per ricercare e identificare possibili strade per una nuova certificazione di frutti di mare in coltura cellulare.

“Forniremo un aggiornamento sui risultati di questa prima fase, inclusi eventuali aggiornamenti sullo sviluppo del prodotto, a tempo debito”. Negli scorsi mesi, BlueNalu ha collaborato allo stesso modo con due importanti attori del settore ittico in Asia – Thai Union e Mitsubishi Corporation – per accelerare una strategia di sviluppo del mercato per i frutti di mare coltivati ​​nella regione.

I terreni di crescita sono un liquido ricco di sostanze nutritive che contiene nutrienti essenziali come carboidrati, proteine, sali, vitamine e fattori di crescita di cui le cellule hanno bisogno per crescere.

Attualmente si stima che questa sostanza rappresenti dal 50 al 90 percento del costo di produzione della carne coltivata.

“Molti dei [fornitori di mezzi di crescita] stanno producendo terreni di crescita di qualità farmaceutica, con un livello di purezza che non è richiesto nella produzione di carne coltivata”, ha detto a FoodIngredientsFirst Krijn de Nood, co-fondatore e CEO di Meatable .

Oltre a concentrarsi sulla produzione conveniente di terreni di crescita, DSM e Meatable si concentreranno sullo sviluppo del gusto e della consistenza simili alla carne del prodotto finale, fattori importanti che influenzano la decisione di acquisto dei consumatori.

“Miriamo ad avere i nostri prodotti ampiamente disponibili nei negozi entro il 2025”, afferma de Nood. DSM Venturing, il ramo di capitale di rischio di DSM, ha partecipato al consorzio di finanziatori del recente aumento di 47 milioni di dollari di Meatable in capitale di rischio.
La genesi del rinascimento delle proteine ​​cellulari incontra la domanda su cosa resterà dell’agricoltura convenzionale nei prossimi decenni, una volta che il movimento avrà preso il volo.

È stato previsto dai pionieri della carne coltivata che durante i primi giorni del movimento, i prodotti ibridi contenenti una combinazione di carne a base vegetale e carne coltivata saranno al centro dell’attenzione sul mercato.

Dato il ruolo fondamentale delle proteine ​​cellulari nella trasformazione del sistema alimentare globale, è degno di nota il fatto che l’industria possa sfruttare meglio questa opportunità in modo efficace con l’aiuto degli agricoltori tradizionali e di altre parti interessate dell’agricoltura convenzionale.

È stato segnalato in analisi precedenti che le aziende produttrici di carne hanno un’opportunità significativa di collaborare con gli agricoltori nelle prime fasi della produzione, ad esempio coinvolgendoli nell’approvvigionamento di cellule e nelle materie prime cellulari.

“Ma è troppo presto per dire come esattamente l’industria convenzionale possa svolgere un ruolo nell’aumento della carne coltivata, ma se individuano opportunità, la incoraggeremo. E vediamo già che le cose stanno cambiando”, commenta de Nood di Meatable.

C’è una certezza, però. De Nood sottolinea: “Con il solo allevamento tradizionale, non saremo in grado di soddisfare la crescente domanda di carne in tutto il mondo: abbiamo bisogno di soluzioni innovative”.

di Benjamin Ferre