Ai russi piace la Fontina valdostana

La migliore Fontina valdostana conquista la Piazza Rossa di Mosca. dove cresce l'appetito dei nuovi ricchi russi per la buona tavola internazionale, diventata ormai una moda e un nuovo terreno di ostentazione del lusso. A 'Gastronom n.1', nei magazzini Gum sulla Piazza Rossa, resurrezione di una storica gastronomia sovietica, la Fontina è venduta a 40 euro al chilogrammo (circa 1.300 rubli). In Valle d'Aosta la Fontina è venduta al dettaglio a 9-12 euro al kg., mentre nel resto d'Italia la quotazione è di 18-20 euro.

"Anche se nel prezzo russo – ha precisato Gerardo Beneyton, presidente di Caseus Montanus – incidono i costi di trasporto è evidente che la Fontina è un prodotto che riscuote successo se opportunamente inserito in un circuito di classe come lo sono stati i saloni internazionali dell'auto che hanno visto l'abbinamento dell'eccellenza valdostana delle rosse Ferrari di Maranello o nei mercati enogastronomici emergenti".

La Fontina, il Bleu d'Aoste, con l'Olio di noce ed il Lard d'Arnad sono stati tra i protagonisti dell'inaugurazione Gastronom n.1, nei magazzini Gum, dove Caseus Montanus ha presentato alcuni prodotti lattiero caseari italiani tra i quali anche il Piave ed il Pecorino Sardo.

Ansanews