''Aglio di Voghiera'': a breve nelle Dop

La registrazione fornisce garanzie ai consumatori che sono così certi del valore del prodotto e incoraggia i produttori a mantenere le loro tradizioni produttive. Con queste parole il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali ha accolto la notizia della pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale dell'Unione europea della domanda di riconoscimento come Dop dell'Aglio di Voghiera.

"La pubblicazione europea della domanda di registrazione dell'Aglio di Voghiera Dop conferma che i prodotti di qualità rappresentano il valore aggiunto dell'agroalimentare italiano. La registrazione fornisce garanzie ai consumatori che sono così certi del valore del prodotto e incoraggia i produttori a mantenere le loro tradizioni produttive".
Con queste parole il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali ha accolto la notizia della pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale dell'Unione europea della domanda di riconoscimento come Dop dell'Aglio di Voghiera.
Bisognerà attendere sei mesi, così come prevede la normativa comunitaria, per consentire a tutti gli Stati Membri di presentare opposizione, prima di vedere l'Aglio di Voghiera ufficialmente iscritto nel registro europeo delle Dop e Igp.
Un prodotto, l'Aglio di Voghiera, ben riconoscibile dal consumatore grazie a caratteristiche precise e specifiche, come il colore bianco luminoso; il bulbo di grandi dimensioni, rotondeggiante, regolare; la grande serbevolezza.
"Un bellissimo risultato per l'Italia, per il territorio ferrarese e, in particolar modo, ha concluso il Ministro Zaia, per il comune di Voghiera, da sempre zona vocata alla coltivazione di produzioni a forte specializzazione, che grazie anche al contributo offerto dal fattore umano, è diventato nel corso degli anni un polo importante per la produzione e commercializzazione di aglio.