Ad Alba si parla di turismo

L’Associazione Turismo in Langa terrà in incontro giovedì 24 giugno, sul tema della sensibilizzazione all'accoglienza turistica.
L’appuntamento è ad Alba, presso la sala Beppe Fenoglio, alle ore 18 ed avrà come argomento centrale il marketing, come materia determinante nello sviluppo del turismo.
Il presidente del GAL Alta Langa, Giorgio Manfredi, introdurrà Maria Carla Furlan, ricercatrice per le tematiche relative alla formazione turistica, nonché tutor del Master in Economia e Gestione del Turismo, del CISET (Centro Internazionale di Studi sull'Economia Turistica) dell'Università Ca' Foscari di Venezia.
La dott.sa Furlan illustrerà le tematiche di sviluppo turistico e le politiche di marketing necessarie per competere con successo nel settore del turismo enogastronomico; la ricercatrice del CISET presenterà inoltre alcune applicazioni concrete di marketing turistico in aree italiane e straniere.
Il CISET è il principale centro di ricerca ed di analisi in ambito turistico in Italia; le attività principali in cui opera sono quelle di valutazione dell'impatto macro-economico prodotto dal turismo su scala nazionale e per macro-regioni, di previsione dei movimenti e dei flussi turistici, attività di ricerca sul turismo culturale, ed altre attività inerenti le analisi economico-gestionali delle organizzazioni turistiche.
L'importanza di tale intervento si fonda sulla necessità di capire al meglio una situazione turistica che negli anni si è modificata molto: località esotiche come quelle di Egitto, Marocco o Messico ora vengono considerate come dirette concorrenti non solo tra loro, ma come rivali con il turismo culturale, con i borghi di Toscana, della Borgogna o delle Langhe (spesso a costi anche più competitivi).
Da qui la necessità, quindi, di considerare il turismo sotto un nuovo punto di vista: la dott.sa Furlan fornirà un'importante testimonianza sulle politiche di marketing e le strategie che il Ciset studia, approfondisce ed analizza
L'incontro sarà aperto a tutti con ingresso libero.

Alessandro Tibaldeschi