Ad Alba Adriatica, 1° Raduno dei Babbo Natale

Ad Alba Adriatica, nei giorni 16 e 17 dicembre si tiene il primo Raduno Nazionale dei Babbo Natale.
L'inizio avviene con la consegna simbolica della Chiave della Città a Babbo Natale, al quale si prevede la partecipazione di circa 500 aspiranti.
Con l'occasione questa cittadina dell'Abruzzo si trasforma in una vera succursale italiana del villaggio di Babbo Natale che si trova nei pressi di Rovaniemi, la capitale della Lapponia a 7 km dal Circolo Polare Artico dove si trova il Villaggio Ufficiale di Babbo Natale, personaggio fantastico adorato dai bambini di tutto il mondo e l'ufficio postale dove ogni anno gli arrivano milioni di lettere con la richiesta di regali e desideri.
Realizzata con il sostegno e il patrocinio del Comune di Alba Adriatica, con il patrocinio della Regione Abruzzo e con quello della Croce Rossa Italiana, il Raduno Nazionale dei Babbo Natale nasce da un'idea di Claudio Marastoni e Saro Trovato, della Meta Comunicazione.
La manifestazione, che vede il sostegno dei settimanali 'Topolino' e 'Tv Sorrisi e Canzoni', si prefigge l'obiettivo di raccogliere doni che verranno destinati, grazie alla Croce Rossa Italiana e all'Arma dei Carabinieri, ai bambini dell'Iraq
Si tratta di un raduno di animatori e istruttori per insegnare come si comporta un perfetto Santa Claus, con intere vie trasformate nella riproduzione di un villaggio lappone, con chef e barman che propongono cocktail e menù ispirati al simpatico nonnetto che porta i doni ai bambini buoni.
Un fine sociale che innalza il livello dell'evento, con la raccolta e la consegna dei doni – conclude il Sindaco. Un piccolo gesto ma insieme un bel messaggio a favore della popolazione irachena".
Attraverso il coinvolgimento di numerosi centri commerciali e dello
stesso comune di Alba Adriatica, che mette a disposizione uno spazio apposito per tutto il periodo natalizio, si raccolgono doni da destinare ai bambini meno fortunati.
"Il Raduno dei Babbo Natale rappresenta un momento ludico da vivere insieme, cittadini e visitatori" dice Giorgio Moranti, assessore al Turismo di Alba Adriatica. Una manifestazione all'insegna dell'allegria, ma con il pensiero rivolto anche a chi sta soffrendo".
Due giorni di festa per eleggere il Babbo Natale 2004, per imparare a ridere, a vestirsi come il personaggio più amato dai bambini e per riscoprire i valori del Natale.
Uno scopo benefico ma anche una grande festa in onore del personaggio sicuramente più amato dai bambini di tutte le età.
Dinanzi allo Chalet Walkiki, attendono oltre 500 aspiranti "Santa Claus" che partecipano al Raduno e alla selezione per individuare colui che, sabato, partira' per portare doni ai bambini dell'Iraq sull'elicottero dell'Arma dei Carabinieri.
Al fianco della raccolta doni, la manifestazione prevede un calendario ricchissimo di eventi dedicati proprio a Babbo Natale. Ecco il programma:
– 'A scuola di Babbo Natale': nell'arco dei due giorni dell'iniziativa, esperti Santa Claus realizzano all'interno di chalet e capanne, allestite come quelli che si trovano in Lapponia, dei veri e propri corsi per insegnare ai papà e nonni italiani a muoversi, a ridere e ad abbigliarsi come l'originale.
Lezioni teoriche, ma anche prove pratiche realizzate sul lungomare di Alba Adriatica.
_ Elezione de 'Il Babbo Natale d'Italia' , ovvero chi tra i partecipanti risulterà essere più simpatico e convincente e che meglio sa impersonare il ruolo di Babbo Natale.
Il tutto sotto l'attento esame e l'insindacabile giudizio di una giuria composta da bambini e da personaggi dello spettacolo.
– creazione di sartorie-laboratorio, dove un team di costumisti insegna a tutti come crearsi in modo facile e divertente un abito da Babbo Natale o da elfo-assistente.
– il lungomare trasformato in un villaggio lappone: l'intero comune di Alba Adriatica per due giorni diventa a tutti gli effetti la residenza italiana di Babbo Natale;
– chef del territorio riuniti per creare piatti ad hoc ('Il Menu di Babbo Natale'), mentre i barman dei migliori locali si sfidano per realizzare il 'Cocktail di Santa Claus'.
Alcune vie della città, attraverso le vetrine e scenografie create ad hoc, si trasformano in un vero villaggio Lappone, mentre panifici e pasticcerie per due giorni sfornano pane e dolci anch'essi ispirati a Babbo Natale.
La manifestazione di Alba Adriatica nasce con l'intento di coinvolgere anche le scuole del territorio.
con l'elaborazione di disegni e scritti su Babbo Natale; i più bravi saranno premiati dal comune abruzzese: Tutte le opere, infine,verranno esposte in una Mostra sul lungomare albense.

Danila ORSI