A Torino, il Convegno ''Grappa, trionfo dello spirito''

Grappa, trionfo dello spirito.
Moda e piacevole dopo-pasto ormai conosciuto e apprezzato a livello mondiale, nei bar di New York come nei ristoranti di Tokyo.
Qual è oggi la situazione della famosa acquavite italiana che fa furore nel mondo?
Quali le problematiche di produttori e consumatori?
Quali i mercati del futuro e i limiti che frenano ancora la sua espansione?
Di tutto questo si discuterà a Torino, nei giorni 6 e 7 ottobre alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo.
Un momento di riflessione sull’universo grappa.
Presenti i maggiori produttori nazionali, le autorità, gli analisti del comparto e la stampa di settore. Il tutto a poche ore dal via di “Grapperie aperte”.
Una “due giorni” a livello nazionale a Torino per fare il punto sulla situazione e per sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni su un prodotto di grande eccellenza del made in Italy, a pochi mesi dall’inizio di Torino 2006, i Giochi olimpici invernali che porteranno il Piemonte e l’Italia sotto i riflettori internazionali.
La giornata sarà organizzata, sotto l’egida dell’Istituto Grappa Piemonte, con il patrocinio della Regione Piemonte, della Camera di commercio di Torino e dell’Istituto Nazionale Grappa.
Il Convegno “Grappa, trionfo dello spirito” vedrà il saluto del Presidente del Consiglio Regionale del Piemonte Davide Gariglio, dell’Assessore Regionale all’Agricoltura Mino Taricco, del Segretario Generale della Camera di commercio di Torino Guido Bolatto, del Presidente dell’Istituto Nazionale Grappa Alessandro Francoli e del Presidente Istituto Grappa Piemonte Cesare Mazzetti.
Presenti vari esperti, analisti e tecnici dell’analisi sensoriale, come il prof. Luigi Odello e il Maestro Iginio Massari, e gli esperti di tutela internazionale dei prodotti tipici, come il prof. Fausto Capelli. Dopo la colazione a buffet e la degustazione di acqueviti del Piemonte, ci sarà la possibilità di visitare alcune aziende produttrici e di pernottare in loco (previa prenotazione presso il nostro ufficio stampa).
Tutto questo a quarantott’ore dall’apertura della rassegna “Grapperie aperte”, domenica 9 ottobre, che coinvolgerà stampa e pubblico sull’intero territorio nazionale.

Comunicato stampa
Elisa Braccia