A Torino, è la volta del ''Salone del vino''

Torino si prepara a diventare la capitale di Bacco con il 6° Salone del Vino, in programma al Lingotto Fiere dal 26 al 29 ottobre.
Dopo lo stop del 2006 per la trasformazione della manifestazione a cadenza biennale – in alternanza con il Salone del Gusto – torna la il Salone del vino, una Fiera dove “il vino acquista valore”, confermando la formula, che si è rivelata vincente, di offrire alle cantine italiane un incontro effettivo, a pari condizioni, con il mercato. Che è rappresentato dagli operatori, dai buyer internazionali che partecipano al workshop, ormai un must del Salone del Vino, ma anche dal pubblico degli enoappassionati.
Ancora più ricco il programma degli approfondimenti dei temi principali della cultura del vino e vastissima l’offerta delle degustazioni, curate da AIS, Enoteca Italiana di Siena e Onav. In collaborazione con Slow Food® Italia, otto Laboratori del gusto® che esplorano il meglio della produzione italiana, oltre alla presentazione in anteprima nazionale della Guida al Vino Quotidiano 2008, con l’assegnazione dei riconoscimenti ai vini che hanno ottenuto l’Etichetta per l’ottimo rapporto tra qualità e prezzo, e la Grande Degustazione con tutte le Etichette d'Italia. Il Salone del Vino è stato inoltre scelto dal Touring Club Italiano per proporre l’edizione 2008 di Vinibuoni d’Italia, con la premiazione delle aziende insignite della Corona e della Menzione ad Honorem e il Salotto di degustazione, allestito sulla suggestiva piattaforma ovale, dove assaporare le oltre 200 tipologie di vini premiati dalla guida.

Il tema degli autoctoni sarà centrale nella rassegna con il terzo Forum dedicato a queste produzioni – segno distintivo del made in Italy in cantina – organizzata in collaborazione con Regione Piemonte e Associazione Go Wine. Parallelamente si darà spazio ai vini biologici e biodinamici, per mettere in risalto anche le ultime tendenze di questo settore strategico per l’economia nazionale, mentre i convegni – tra i più importanti quello dell’UGIVI, Unione Giuristi della Vite e del Vino su un tema di grande attualità: “Il commercio del vino, tra internazionalizzazione e controlli interni” – approfondiranno vari aspetti dell’attualità enologica.

Di particolare rilievo anche l’incontro cultural-spettacolare “Sentiero diVino in Vendemmia”, che si terrà a Eataly, attiguo al Lingotto Fiere, dal 26 al 28 ottobre: una “tregiorni” di teatro, musica e degustazioni proposta dal Teatro delle Forme, che in contemporanea al Salone, farà di questo angolo di Torino una vera e propria “cittadella della cultura del vino”, unendo commercializzazione, promozione e degustazione allo spettacolo, all’esperienza e alla rappresentazione del vino.

Il calendario prevede comunque ulteriori arricchimenti, mentre è già certo il ritorno dello Shopping di Bacco, uno dei momenti più attesi dai cultori del grande vino. Sabato 27, nel pomeriggio, e domenica 28, per l’intera giornata, il Salone apre le porte agli enoappassionati che, con uno speciale coupon compreso nel biglietto, potranno acquistare direttamente dagli espositori il meglio della loro produzione.

La sesta edizione del Salone del Vino dunque si avvia ad essere l’appuntamento irrinunciabile per comprare, comprendere, vivere il vino, così com’è ben espresso nel tema scelto per la manifestazione “Le regioni del vino, le ragioni del vino”, a significare il legame tra produzioni d’eccellenza e territorio e tra cultura del vino e valore del vino.
Lo hanno compreso perfettamente i produttori e i territori più vocati che assicureranno la loro presenza al Lingotto Fiere, così come gli oltre 45 buyer – provenienti da India, Giappone, Russia, Cina, Stati Uniti – che parteciperanno al 4° Workshop Internazionale.

Per concludere, in contemporanea con il Salone del Vino si svolgerà – sempre al Lingotto Fiere – Dolc’è, 5° Salone dell’arte dolciaria e del cioccolato. In calendario momenti di formazione e aggiornamento professionale insieme a iniziative di carattere più divulgativo. Grande risalto quindi all’esposizione delle migliori produzioni dolciarie mentre, con la collaborazione di Ascom ed Epat, sarà realizzata un’area laboratorio dedicata alle lavorazioni di pasticceria, gelateria, cioccolato affiancata all’aula didattica, nell’ambito della quale professionisti del settore illustreranno agli operatori tecniche e produzioni, insieme a momenti di animazione e intrattenimento, dentro e fuori il Salone.

Sono inoltre previste degustazioni e seminari, quale ad esempio il Laboratorio del Gusto® curato da Slow Food® Italia su “Vini dolci e dolcezze”, oltre ad approfondimenti e focus a tema, fino al convegno dedicato a “Gelato è salute”, con il sostegno della rivista tecnico-scientifica Pasticceria Internazionale. Tra gli altri, la quinta edizione di Dolc’è vede confermata la presenza della Regione Piemonte, con il prestigioso marchio “Piemonte Eccellenza Artigiana”, con una collettiva delle diverse realtà artigianali piemontesi, mentre farà il suo debutto la neonata ACAI, Associazione Cioccolatieri Artigiani Italiani con 16 associati provenienti da tutta Italia.

Il calendario completo degli eventi delle due manifestazioni è disponibile on-line nei siti www.salonedelvino.it e www.dolc-e.it.

Orari
– venerdì 26, ore 10-19 (riservato operatori professionali)
– sabato 27, ore 10-15 (riservato operatori professionali)
– sabato 27, ore 15-20 (aperto al pubblico con biglietteria e operatori professionali con accredito)
– domenica 28, ore 10-19 (aperto al pubblico con biglietteria e operatori professionali con accredito)
– lunedì 29, ore 10-19 (riservato operatori professionali)

Archivio
– Le carte dei vini dei ristoranti italiani si mettono a dieta: meno etichette e più attenzione al territorio. Le nuove tendenze del bere fuori casa.
– Al Salone del Vino di Torino il primo test per la vendemmia.
– Comunicato Stampa Promotor International S.p.A. – GL events
– Torna il Salone del Vino: vetrina per i territori d'eccellenza.
[ritorna…]