A Cortemilia il trionfo della nocciola

Primo classificato assoluto Moriondo Carlo di Mombaruzzo

Seconda edizione di Profumo di Nocciola che, nell'ambito della sagra del celebre prodotto per l'alta pasticceria, ha visto concorrere i pasticcieri di tutta Italia, giudicati da una giuria di giornalisti e tecnici presieduta da Paolo Massobrio. I concorrenti hanno gareggiato secondo diverse categorie di prodotto: da quelli da forno alla gelaterie, ottenendo un giudizio critico su ogni campione presentato. Al termine dei lavori il dolce che ricevuto maggiori punteggi in assoluto è stato l'amaretto alle nocciole prodotto a Mombaruzzo (At) dalla storica pasticceria Carlo Moriondo.

Ecco poi i premiati per le relative categorie:

TORTA DA FORNO: Panificio Pagnani, Arcevia, Ancona
PASTICCERIA SECCA: L'Acquolina in Bocca, Cairo Montenotte, Savona
PASTICCERIA FRESCA: Pasticceria Orchidea, Montesano sulla Marcellana, Salerno
GELATO: Pasticceria Cerrato "Nocciolarte", Castelletto Uzzone, Cuneo
AMARETTO ALLA NOCCIOLA: Amaretti Moriondo Carlo, Mombaruzzo, Asti
DOLCE AL CIOCCOLATO: Pasticceria L'Angolino, Villanova Mondovì, Cuneo
PREMIO NOVI: Consuelo Staderoli

Una menzione speciale della giuria per aver interpretato meglio il tema è stata data ad Antonio Raffaele di Lecce e alla Gelateria Soban di Valenza, entrambe per la categoria "IL GELATO" che si è rivelato il prodotto che più sublima la nocciola Igp Piemonte.
È poi seguito il premio speciale alla carriera – città di Cortemilia destinato a Giuseppe Canobbio, della Pasticceria La Corte di Canobbio, Cortemilia, mentre il premio speciale miglior interprete della nocciola – città di Cortemilia è andato a Chicco Cerea, del relais La Cantalupa di Brusaporto, Bergamo, del celebre ristorante da Vittorio.