1° edizione ''Premio internazionale cucina mediterranea''

A Salerno, venerdì 10 giugno si è svolta la prima edizione del "Premio Internazionale della cucina mediterranea".
Chef con esperienza internazionale si sono disputati il titolo di Ambasciatore della cultura campana nel mondo.
L'agenzia "Promosalerno", curatrice dell'evento, ha chiesto all'Accademia Barilla – il centro internazionale di riferimento per la diffusione della Cultura Gastronomica Italiana – di essere "partner" in questo percorso.
Salerno, culla dei prodotti mediterranei, com'è noto è una città di mare che possiede materie prime uniche per profumi e sapori (ad iniziare dal pesce)come l'ortofrutta che cresce "baciata" dal sole.
La manifestazione è iniziata a Palazzo S.agostino con un Convegno incentrato sulla valorizzazione di prodotti tipici e del marchio di qualità a cui ha fatto seguito una visita guidata con degustazione dei prodotti presso gli stand dell’ottava edizione di ‘Medisalus’ che si è svolta al Castello di Arechi.
Academia Barilla ha selezionato i sei cuochi che si sono disputati l’ambito titolo di Ambasciatore:
– Flavio Gallotta,
– Gianfranco Angelillo,
– Massimo Bobba,
– Massimo Dionigi,
– Corrado Vicina Mazzaretto e
– Nicola Bindini.
Una gara che avvalendosi delle loro "armi" affilate (coltelli, ma anche padelle!), sfidandosi a ‘singolar tenzone’ nei locali del Castello di Arechi alla presenze di ospiti e giuria.
Per difendere e promuovere i prodotti alimentari italiani in maniera efficace e duratura non basta saper scegliere e saper distribuire le migliori specialità italiane selezionandole in base a elevati standard qualitativi, compito che si è assunto Accademia Barilla; occorre soprattutto formare gli operatori del settore, affinché imparino a riconoscere e scegliere i prodotti migliori, offrendo ai propri clienti un servizio di qualità.
A questo proposito, Academia Barilla si propone di sostenere e realizzare la formazione di operatori della gastronomia provenienti da tutto il mondo, dai semplici appassionati ai professionisti, attraverso un continuo aggiornamento degli aspetti tecnici e culturali della gastronomia e uno studio approfondito delle materie prime e dei prodotti tipici.
Gianluigi Zenti, direttore di Academia Barilla, ha sottolineato: “abbiamo deciso di partecipare a questa manifestazione, che speriamo sia la prima di una lunga serie, per il forte impegno che tutte le istituzioni hanno profuso per la promozione e la salvaguardia dei prodotti tipici campani, da lungo tempo presenti nella cucina degli Italiani”.
Ad un anno dall'inaugurazione del centro internazionale dedicato a promuovere, difendere e sviluppare l'arte della Gastronomia Italiana, Academia Barilla si conferma un punto di riferimento per i più qualificati rappresentanti della gastronomia e degli amanti della cultura alimentare italiana.